Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Intervista al Professor Antonio La Marca

Antonio La Marca, nato e residente a Luzzi (Cosenza) è docente di Archeologia e storia dell’Arte greca e romana – Archeologia Classica I presso l’Università della Calabria. Abbiamo chiesto al professore di parlarcene.

D In breve, ci racconti la storia del corso.
R E’ un corso istituzionale che prevede 40 ore di lezioni annuali per la Laurea triennale e 30 ore per la Laurea Magistrale in Archeologia Classica I.

D Oltre all’insegnamento, quali sono i principali progetti in corso?
R Direzione della Missione archeologica italiana di Kyme eolica (Turchia).

D E quelli per il futuro?
R Portare avanti uno scavo in Calabria.

D Il progetto già realizzato che è il vostro “fiore all’occhiello”?
R Riuscire ad ottenere la direzione scientifica di una scavo internazionale importante, qual è appunto Kyme eolica.

D Avete collaborazioni con altri enti e istituzioni italiani?
R Si. Con l’Università di Catania, l’Università di Milano, l’Università “Federico II” di Napoli e la Soprintendenza del Mare della Sicilia.

D E con enti e istituzioni stranieri?
R Si. Con il Prof. Bekir Eskici del Dipartimento di Restauro Università di Ankara (che è anche vice-direttore della Missione archeologica di Kyme). Prof. Gurcan Polat dell’Università Egea di Izmir.

D Qual’è il rapporto con le Soprintendenze?
R Buono.

D Quali sono i processi di formazione sul campo per gli allievi?
R Esperienza di scavo e di laboratorio di disegno dei materiali presso l’Università della Calabria.

D Il budget annuale su cui potete contare è adeguato?
R No. L’attuale situazione per quanto riguarda i finanziamenti non è delle migliori. I tagli della Gelmini sono noti a tutti. Come via d’uscita bisogna rivolgersi a finanziamenti privati. Ma preferirei che fosse lo stato italiano o l’Università a provvedere alla nostra sopravvivenza.

D Ricorrete a sponsor o finanziatori a progetto?
R Assolutamente se, specie per la Missione archeologica in Turchia

D Come gestite la divulgazione del vostro lavoro verso il grande pubblico?
R Pubblicazioni su riviste specializzate; brochure. Sito Internet (www.kyme.info).

D Il vostro rapporto con la stampa?
R Buono. Si veda l’ultimo numero del Giornale dell’Arte dove è pubblicato un articolo su Kyme e dove ringrazio pubblicamente il Signor Pasquale Forte, imprenditore italiano che da qualche hanno finanzia in maniera importante la Missione di Kyme eolica.

1 Commento su Intervista al Professor Antonio La Marca

  1. In realtà non ho commenti. Ho collaborato alla missione di Kyme dal 1991 al 2000. Sono ora interessato ad avere l’indirizo di posta elettronica del prof La Marca di cui ho perduto contatto da tempo.
    ringraziando anticipatamente, cordiali saluti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*