Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Adottare un gatto: pro e contro

Adottare un gatto: pro e contro

Se stai leggendo questo articolo, stai pensando di adottare un gatto per la prima volta. O forse già ne hai uno, e stai pensando di allargare la tua famiglia felina. Se hai già adottato il tuo nuovo amico felino, allora buona fortuna! Ma se stai solo considerando l’idea, continua a leggere l’articolo perché i fattori da tenere in considerazione sono tanti.

I gatti sono adorabili, divertenti, e dei fedeli compagni di vita che si adattano subito alla vita famigliare. Ma avere un gatto significa anche avere una grande responsabilità. I gatti hanno un’aspettativa di vita che oscilla tra i 16 e i 17 anni, ma a volte arrivano anche ai 20 anni! Devi essere pronto ad impegnarti a prenderti cura di lui. Adottare un gatto per poi cederlo in adozione perché troppo impegnativo potrebbe essere traumatico per lui. Quindi… davvero vuoi farlo? Diamo un’occhiata ai pro e ai contro…

I Pro

Un gatto potrà non darti tanto amore quanto te ne da un cane, ma ti ama in una maniera tutta sua. I miei gatti mi vengono incontro quando arrivo a casa, mi fanno le fusa e mi si strofinano sulle gambe, insomma, sono chiaramente felici di vedermi… anche se a volte non sembra!

Su un livello pratico, non dovrai mai preoccuparti di un’invasione di topi (a meno che il tuo gatto non te li porta da fuori). Inoltre, se hai bambini, avere un gatto in casa è un ottimo modo per responsabilizzarli e per insegnargli a prendersi cura di altri essere viventi.

Potrebbero anche regalarti un nuovo hobby! Molte persone allenano e preparano i loro gatti per i concorsi di bellezza o per le esibizioni. Può essere un’esperienza molto divertente e un ottima maniera per conoscere nuovi amici.

Tuttavia, prima che ti affretti ad adottare un gatto, leggi i prossimi paragrafi…

I Contro

Innanzitutto, mantenere un gatto costa molto. Il cibo per gatti non sembra, ma costa molto e col passare del tempo te ne accorgerai. Dovrai anche mettergli il microchip, fargli i vaccini e portarlo dal veterinario. Se vuoi partire per una vacanza, breve o lunga che sia, dovrai assumere qualcuno che si prenda cura di lui; non ci pensare neanche a lasciarlo da solo per più di una notte o due! Se sei fortunato potranno prendersi cura di lui i tuoi vicini, in alternativa dovrai cercare l’aiuto di un cat-sitter o di una pensione per animali. Poi, naturalmente, come passano per noi umani, gli anni passano anche per i nostri amici gatti, e nella vecchiaia avranno bisogno di cure veterinarie che non sono proprio economiche. Quindi pensaci bene e valuta se puoi permetterti di mantenere un gatto o no!

Secondo, i gatti ti tengono legato. Non puoi organizzare una vacanza all’ultimo minuto, o passare la notte fuori casa così su due piedi. Dovrai assicurarti che il gatto stia bene, e che qualcuno se ne prenda cura se non puoi stare a casa per una notte. I gatti sono autosufficienti per un breve periodo, ma dovrai comunque pensarci bene.

Un’altra cosa a cui pensare bene è, casa tua è adatta a un gatto? Vivi in un appartamento o in una villetta? Se vivi in un’area trafficata, dovrai stare attento a non fare uscire il gatto. Ogni anno, centinaia di gatti vengono uccisi sulle strade trafficate. Tenere e crescere un felino in casa è possibile, ma per molti di loro è stressante. Farlo uscire, anche in un’area relativamente sicura, significa correre il rischio di perderlo per un incidente o di passare tutta la serata a cercarlo in giro per le strade per farlo tornare a casa. Un buon compromesso è una casa con un giardino in cui farlo sfogare, ma potrebbe essere molto costosa.

Quindi, per concludere, avere un gatto non è una cosa semplice. Non adottare un gatto in preda all’impulso, pensaci bene.