Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Agro Nocerino – Sarnese


Didracma di Nuceria Alfaterna

Queste due località si trovano in Campania a circa 15 km da Salerno. Di quella che oggi è nota come Nocera Superiore e che era nota con il nome di Nuceria Alfaterna si può vedere gran parte della cinta di mura che probabilmente avevano un tracciato rettangolare con una porta posta al centro di ogni lato all’esatta corrispondenza del cardo e del decumano di cui alcuni tratti sono stati scavati.

La parte di mura oggi visibile è costruita in opera incerta ed è rinforzata da alcune torri. La parte che si è conservata in maniera migliore ha decorazioni di primo stile in stucco e alcune feritoie. Poco lontano dalle mura è stato anche scavato il teatro che può essere fatto risalire alla seconda metà del II secolo a. C. anche se alcune ristrutturazioni vennero fatte sotto il dominio di Augusto. Sono ancora visibili parti della frons scenae e della cavea. Proprio da qui provengono una testa di Agrippina e una statua della dea Atena che oggi sono conservate al Museo Provinciale di Salerno.

Altro monumento degno di interesse è l’Anfiteatro che è molto più recente (è databile circa al 50 a.C.) ed è stato successivamente annesso alle case moderne.

Più a est c’è la chiesa di S. Maria maggiore o della Rotonda. Altro non è che un battistero risalente al VI secolo d.C. per cui vennero riutilizzati molti materiali dell’epoca romana. La pianta di questa struttura è circolare e conta in tutto 30 colonne divise in due giri. Quelle del giro esterno sono in marmo e tutte uguali, quelle interne sono differenti sia per materiale che per grandezza. La copertura è una cupola di forma ovale. La vasca per il battesimo ha forma ottogonale e si trova al centro ed è circondata da 8 colonne. Ognuna di esse porta incisa su di sé una croce e la prima e l’ultima lettera dell’alfabeto greco.

A Sarno invece, dove sorge il fiume con lo stesso nome, è stato scavato un altro Teatro che venne costruito nel 100 a. C. :di questo ci rimangono parti della cavea e alcune decorazioni una sfinge, un leone con ali, e parti della scenografia).

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*