Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Amman, musei

Museo Archeologico Nazionale

Il Museo Archeologico Nazionale, situato nei pressi del Tempio di Ercole, ospita alcuni dei famosissimi rotoli del Mar Morto rinvenuti nel 1952 a Qumran, una grandissima quantità di reperti archeologici di tutte le epoche della storia giordana, molte statue considerate fra le più antiche al mondo ed una copia dell’importantissima Stele di Mesha, il cui esemplare originale fu scoperto a Dhiban da un missionario. La stele rappresentava la testimonianza più antica della scrittura ebraica che fosse stata mai scoperta ed inoltre forniva notevoli dati storici e cronologici sulle battaglie tra i Re d’Israele ed i Moabiti. L’originale fu distrutta ma i frammenti, anche se non del tutto recuperati, furono riassemblati e ad oggi è possibile ammirare la stele originale ricostruita al Museo del Louvre di Parigi ma esistono anche delle copie, ricavate effettuando un calco sull’originale nei Musei di Karak, di Madaba e appunto di Amman.

Museo del Folclore

Nel Museo del Folclore situato a destra del Teatro romano è possibile vedere una collezione di manufatti tradizionali giordani come telai, armi, costumi tradizionali, alcuni strumenti musicali principalmente a corda o a percussioni di cui il più caratteristico è il rababa, strumento a corda tipicamente beduino. Per gli appassionati di antropologia sarà sicuramente entusiasmante poter vedere la tipica tenda beduina realizzata con il pelo di capra, esposta all’interno del museo assieme a tutti gli utensili, ripercorrendo lo stile di vita e le usanze beduine.

Museo delle tradizioni popolari

Se il Museo del Folclore si trova alla destra del Teatro romano, alla sua sinistra non può che esserci per completezza il Museo delle tradizioni popolari in cui sono esposti in modo curato e molto scenografico costumi tradizionali davvero interessanti (i diversi tipi di tessuto ed i vari ricami ed ornamenti costituiscono una vera e propria “carta di identità” in quanto fanno intendere lo status sociale e il luogo di appartenenza della persona che li indossa), gioielli (molto particolari sono quelli in argento realizzati dalle comunità beduine) e perfino mosaici rinvenuti principalmente nella zona di Jerash e dintorni.

Darat al-Fanun e la Galleria Nazionale Giordana di Belle Arti

Darat al-Fanun è un grande complesso monumentale in cui è situata una galleria di arte contemporanea nella quale ci sono laboratori di scultura e pittura, una vasta biblioteca sull’arte e le esposizioni di artisti principalmente giordani ma spesso è la sede di convegni importanti, mostre, dibattiti, conferenze. Il moderno è perfettamente amalgamato all’antico in quanto nei pressi della galleria sono stati ritrovati i resti di una chiesa bizantina che conferisce alla struttura un certo fascino retrò. Inoltre, a rendere ancora più interessante il panorama, sulla vicina collina, ci sono diverse abitazioni restaurate risalenti ai primi del ‘900, in una delle quali il generale Lawrence d’Arabia scrisse il romanzo I sette pilastri della saggezza. La Galleria Nazionale Giordana di Belle Arti offre al visitatore attento ed esperto di arte, esposizioni e mostre tematiche molto interessanti di scultura, pittura e ceramica contemporanea giordana.

Museo militare e Museo Reale dell’Automobile

Per gli appassionati di storia moderna è consigliabile una visita al Museo militare, situato nei pressi del Monumento del Martire lungo la via che porta a Zarqa. In esso è possibile calarsi completamente nella storia militare e politica della splendida Giordania e si può così “rivivere” ad esempio i dettagli più sconosciuti della Rivolta Araba del 1916. Gli uomini, invece, non possono assolutamente perdere il Museo Reale dell’automobile, nel quale è esposta la collezione privata di auto e moto d’epoca (più di settanta) di Re Hussein.

Foto di Amman

http://www.archart.it/archart/asia/Giordania/Amman%20city/index.html

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*