Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Anguillara, chiese di Sant’Andrea e di San Salvatore

La chiesa di San Salvatore era una delle due chiese medievali del paese, situata nel vicolo omonimo parallelo all’attuale Corso Umberto I. Come la Chiesa di Sant’Andrea, viene descritta nella Visita Apostolica del 1574, in condizioni fatiscenti e “mal condotta dall’Abate Alessandro”. L’edificio di San Salvatore è oggi quasi del tutto scomparso.

Le sole testimonianze strutturali sono una porzione muraria formata da tufelli semi-squadrati e un ambiente ipogeo, probabilmente di origine romana, situato al di sotto del piano originale della chiesa e un tempo utilizzato come cripta, ad una quota più bassa del piano stradale di circa due metri. L’interno presenta un andamento molto irregolare, con un ambiente d’ingresso in muratura che introduce in un altro ambiente decisamente più grande scavato nel banco tufaceo, da cui si dirama una grotta piuttosto articolata ma di breve estensione.

Presso la parete laterale di sinistra è presente un passaggio quasi interamente ostruito da detriti con una rampa di scale che conduce ad un ambiente situato ad un piano notevolmente inferiore, mentre nei pressi dell’unica finestra da cui l’ambiente trae luce, ho rilevato un taglio nel banco tufaceo colmato da terra e detriti, ipotizzandolo come l’ingresso di un altro ambiente ipogeo.

In un piano intermedio, all’interno di un’abitazione privata (corrispondente all’originale piano di calpestio dell’edificio di culto), sono stati rinvenuti due loculi scavati nel tufo. Da questo edificio proviene inoltre una lapide marmorea, attualmente murata nel corridoio della Sacrestia della Chiesa della Collegiata, qui trasferita dalla chiesa di S. Andrea a sua volta trasferita da quella di S. Salvatore. La lapide presenta la figura del defunto rozzamente incisa e due angeli intenti a trasportare la sua anima ed è datata al 1333, con una cornice formata da un’iscrizione in caratteri medievali piuttosto approssimativi.

La chiesa di S. Andrea è situata sul pianoro della collina e, seppur ancora esistente nella sua struttura, è stata totalmente rimaneggiata all’interno creando appartamenti scanditi da piani divisori interni. Gli unici elementi che fanno intuire la sua antica origine è l’elemento absidale visibile esternamente la parete di fondo e le mensole in travertino, antichi elementi di sostegno visibili sulla sommità della parete di destra.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*