Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Anguillara, fortificazioni

fortificazioni

Le strutture visibili facenti parte del complesso delle fortificazioni sono il risultato del sovrapporsi di varie fasi attribuibili alle signorie degli Anguillara e degli Orsini.  Si tratta di una vera e propria fortezza distaccata dal borgo mediante un fossato asciutto (A), che delimita l’area dei giardini (B) e della torre circolare (C), nei pressi dei quali si innesta il Palazzo Orsini (D) difeso dalla Porta Maggiore o Porta di Castello (E).

All’altezza della torre circolare si innesta una possente struttura muraria che si sviluppa su tre lati con un impianto planimetrico trapezoidale e vertici bastionati (F) e (G), raccordandosi con un elemento di impianto curvilineo (H), bastione di forma circolare con impianto di base originario per dimensioni simile a quello del mastio, attualmente inglobato nell’ampliamento del palazzo.

La sua è una funzione di raccordo con la Porta Maggiore, un tempo munita di ponte levatoio, che si innesta sulla scarpa muraria del bastione protetto sul lato opposto da una torretta a pianta quadrangolare (I). Lungo tutta l’estensione dei muri di fortificazione sono visibili le numerose troniere e gli spazi per le armi da fuoco attraverso i quali gli armigeri difendevano la fortezza da possibili attacchi, enfatizzate da grossi blocchi di pietra.

Nei pressi del Palazzo Orsini è visibile un edificio (ormai trasformato in abitazione) riconducibile all’antica Chiesa romanica di Sant’Andrea (L), in cui ancora si nota parte esterna dell’abside della parete di fondo dove era posto l’altare.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*