Aosta, Introd. Scoperto scheletro di donna risalente a 5000 anni fa

La scorsa settimana è stato rinvenuto uno scheletro di donna vissuta 5000 anni fa, in un piccolo paesino di 6oo abitanti di nome Introd, poco distante da Aosta. La scoperta è avvenuta grazie ai sondaggi archeologici preventivi durante i lavori di ampliamento della scuola materna del comune. Lo scheletro è stato trovato nella sua fossa di sepoltura intatto, rannicchiato sul fianco destro, col cranio rivolto verso nord-ovest e senza corredo. Per il momento la donna, vissuta nel 3000 a.C., è stata chiamata “la Signora di Introd”, ma saranno i bambini della scuola a darle il nome definitivo. La donna visse

Aosta, Introd. Scoperto scheletro di donna risalente a 5000 anni fa

La scorsa settimana è stato rinvenuto uno scheletro di donna vissuta 5000 anni fa, in un piccolo paesino di 6oo abitanti di nome Introd, poco distante da Aosta. La scoperta è avvenuta grazie ai sondaggi archeologici preventivi durante i lavori di ampliamento della scuola materna del comune.

Lo scheletro è stato trovato nella sua fossa di sepoltura intatto, rannicchiato sul fianco destro, col cranio rivolto verso nord-ovest e senza corredo. Per il momento la donna, vissuta nel 3000 a.C., è stata chiamata “la Signora di Introd”, ma saranno i bambini della scuola a darle il nome definitivo.

La donna visse nello stesso periodo del cosiddetto uomo del Similaun, noto anche come Ötzi, ritrovato nel 1991 nel confine tra l’Italia e l’Austria e ora conservato nel Museo Archeologico dell’Alto Adige a Bolzano.

I resti della “Signora di Introd” sono stati già trasferiti in laboratorio dove, a breve, sarà sottoposta ad analisi scientifiche adeguate per comprendere età e cause di morte, abitudini alimentari e tutti i dettagli possibili.

L’assessorato alla cultura della Valle d’Aosta si auspica, non appena gli studi sullo scheletro saranno terminati, di poter valorizzare la scoperta con adeguati momenti di divulgazione che riescano a coinvolgere il più alto numero di persone.

Fonti

Autore dell'articolo

Una risposta

  1. Laura dalla Torre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.