Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Arabia Saudita. Sorprese dal sito archeologico di al-Maqar

Il sito archeologico saudita di al-Maqar stupisce gli addetti ai lavori e il mondo accademico.

sito archeologico di al-Maqar

In Arabia Saudita dai recenti scavi di un nuovo sito archeologico, al-Maqar, sono venute alla luce tracce ingenti di una nuova civiltà a cui è stato attribuito il nome di civiltà Maqar, riferendosi al luogo di ritrovamento.

Nella conferenza tenutasi a Jeddah, il Vice-Presidente delle Antichità e dei Musei della Commissione Saudita per il Turismo e le Antichità (SCTA), Ali al-Ghabban, ha affermato che i ritrovamenti sembrano dimostrare che nel sito già 9000 anni fa si ricorreva all’addomesticamento dei cavalli. L’affermazione si mette così in contrasto con la teoria, comunemente accettata in ambito accademico, che afferma che l’addomesticamento del cavallo sia avvenuto circa 5500 anni fa in Asia Centrale.

Le testimonianze rinvenute nel sito sembrano testimoniare che la cultura Maqar fosse, per l’epoca Neolitica in cui è inquadrata, molto avanzata. Un’evidente abilità artigianale è testimoniata dai ritrovamenti della cultura materiale come grattatoi, torni, macine, punte di frecce ed altri utensili della vita comune.

Sono stati inoltre trovati una serie di scheletri mummificati.

La Commissione Saudita per il Turismo e le Antichità, lo scorso anno, ha proposto una serie di mostre sui ritrovamenti archeologici nella Penisola Araba al museo del Louvre di Parigi ed al CaixaForum di Barcellona.

Sembra così che l’Arabia Saudita cominci a voler diversificare la sua economia, basata principalmente sull’esportazione del petrolio, cercando anche d’incrementare il turismo culturale nel paese.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*