Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Belfiore. Sotto la strada moderna riemerge la via imperiale Berengaria

Nuove testimonianze medievali riemergono a Belfiore. Si tratta del lastricato di pietre riferibile probabilmente all’antica via imperiale Beregaria, conosciuta anche come Porcilana e realizzata da Berengario I nel decimo secolo. L’antica strada è venuta alla luce casualmente sotto la moderna via Strà, all’altezza del santuario della Madonna di Strà, nel corso delle verifiche richieste dalla Soprintendenza ai beni archeologici al Comune e all’azienda Acque Veronesi che hanno inoltrato il progetto per i lavori nel tratto stradale compreso tra via Strà e le vie Buggia e Casoni.

Sono stati effettuati tre sondaggi alla presenza di un archeologo: uno all’altezza dell’incrocio tra via Strà e via Argine Maronari, che non ha restituito alcun risultato; il secondo dietro l’abside della chiesa ha restituito due differenti pavimentazioni, di età medievale o tardo-romana; il terzo all’altezza dell’inizio di via Casoni, ha messo in luce lil selciato più recente dell’antica strada. Circa tre metri sotto il piano stradale della moderna via Strà, in prossimità del tempio costruito nel 1143, gli scavi hanno individuato una pavimentazione di pietre, sopra la quale si trova uno strato di fango. La prima via quindi, o una pavimentazione comunque intorno alla zona della pieve, fu probabilmente ricoperta da un’alluvione dell’Adige. Successivamente, sopra lo strato di fango venne posata un’altra pavimentazione con cocci, pietre di risulta, sassi recuperati e ciottoli, all’apparenza meno curata di quella più antica, ma ricca di testimonianze.

Le scoperte sono state fotografate e coperte immediatamente. La Soprintendenza dovrà ora confrontare le immagini e i dati già in suo possesso inerenti alla strada che da Verona proseguiva in direzione sud-orientale percorrendo il basso padovano e finendo nel veneziano, vicino a Chioggia; da qui la Porcilana si congiungeva con la via romana che portava a Ravenna. Una strada di grande comunicazione, che tutt’oggi attraversa il centro abitato di Belfiore, una volta conosciuto come Porcile, comune con reperti e documenti che ne testimoniano l’attività prima dell’anno mille. È la prima volta che emerge la pavimentazione originale lastricata della via Porcilana.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*