Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Boscoreale

Sita ai piedi del Vesuvio, a nord della città di Pompei, la località di Boscoreale è individuata, da qualcuno, con il Pagus Augustus Felix Suburbanus. La fertilità dell’area ha fatto sì che la località fosse popolata già dalla protostoria, fatto testimoniato dai sepolcri della Fossakultur; mentre le terme di Via Casone Grotta, risalenti al secondo-terzo secolo dopo Cristo, attestano che, dopo l’eruzione del Vesuvio avvenuta nel 79 dopo Cristo, la località venne ripopolata. Durante l’epoca romana, Boscoreale era costellata di molte ville e aziende dove veniva coltivata la vite, l’ulivo e i cereali.

Storia degli scavi di Boscoreale

Nell’area di Boscoreale, sobborgo a nord di Pompei, fra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo, furono eseguiti molti scavi archeologici a cura di privati ed erano rivolti, particolarmente, al ritrovamento e al recupero di reperti di valore e ornamenti da parete e da pavimento, che, in genere, sono stati fatti confluire in collezioni di privati o in diversi musei, come il parigino Louvre, il Museo Nazionale di Napoli e il newyorchese Metropolitan Museum.

Grazie a questi scavi furono scoperte circa trenta villae rusticae che facevano parte della fitta rete di abitati produttivi siti ai piedi del Vesuvio e nella limitrofa piana del fiume Sarno che operavano nel I secolo dopo Cristo. Queste abitazioni erano sia aziende agricole di dimensioni piccole o medie la cui conduzione era affidata a famiglie di liberi oppure a schiavi, sia impianti di dimensioni più ampie, con zone residenziali decorate in maniera sontuosa e destinate all’irregolare presenza del facoltoso proprietario, e aree destinate ai servi e alle lavorazioni.

Per via delle ottime condizioni, determinate dalla sepoltura dei reperti con i materiali vulcanici piovuti dal Vesuvio durante l’eruzione del 79 dopo Cristo, in cui si sono conservate le strutture e l’arredamento, le informazioni pervenute dagli scavi hanno permesso di ricostruire i diversi stadi di mutazione dei più importanti prodotti agricoli della zona vesuviana: l’olio, indirizzato soprattutto al fabbisogno del mercato del luogo, e il vino, che veniva anche esportato. Generalmente, a termine delle esplorazioni, le strutture venivano interrate di nuovo, ma, in certi casi, esse restarono alla luce (come ad esempio Villa della Pisanella) e, per questa ragione, furono soggette a seguenti e ripetitive depredazioni, per le quali è restato ben poco.

Antiquarium di Boscoreale

La Soprintendenza archeologica di Pompei, nel 1991, fiede vita all’Antiquarium di Boscoreale che mostra, grazie a reperti che provengono da diversi siti archeologici (Ercolano, Stabiae, Pompei, Boscoreale, Oplontis, Terzigno) correlati da didascalie, le principali caratteristiche dell’area vesuviana in età romana e l’uso che l’uomo faceva delle materie prime fornitegli dalla natura.

Grazie all’aiuto di diverse scienze applicate allo studio dell’archeologia si può, difatti, ricostruire il tipo di fauna e di flora (parzialmente scomparse) vesuviane, lo stato dei luoghi, l’agricoltura e la pastorizia e, più generalmente, la maniera di vivere dei popoli vesuviani di età antica e la loro relazione con l’ambiente che li circondava. A completamento del percorso museale vi è la visita a un’azienda agricola, sita nelle immediate vicinanze: la villa rustica che si trova in località Regina, la sola completamente scavata che può essere visitata. Anche questa fattoria si basava principalmente sulla produzione del vino, come testimoniano i locali dedicati alla torchiatura dell’uva, attrezzati con il calcatorium (ovvero, la vasca di pigiatura) e il torcular (cioè, il torchio di legno), e la vasta cella vinaria con i dolia defossa (ovvero, le giare fittili infossate) dove era conservato il vino. L’antiquarium espone moltissimi reperti sia di questa villa che delle altre rinvenute sul territorio.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*