Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Canossa

Canossa è un piccolo comune in provincia di Reggio Emilia, situato tra l’Appennino Tosco-Emiliano e la Pianura Padana. Nel suo confine occidentale è lambito dal fiume Enza, importante direttrice che sarà utilizzata fino ai primi anni del Novecento, quando verrà trasportato via fiume il legname necessario alla costruzione della ferrovia. Proprio durante gli scavi per posare le rotaie viene ritrovata un’accetta in pietra che testimonierebbe la presenza dell’uomo già in epoca preistorica.

Abitato in epoca romana, è però nel medioevo che il nome di Canossa si diffonde per l’intera Europa: nel castello omonimo, infatti, si svolgerà il famoso episodio del perdono.

Nel paese-capoluogo, Ciano d’Enza, si può ammirare la chiesa parrocchiale di San Martino, eretta nel XVIII secolo, che presenta un notevole patrimonio artistico: argenti e mobilio d’epoca, opere pittoriche tra le quali un tela attribuita a Guido Reni raffigurante Agar e Ismaele nel deserto e, recentemente restaurato, un bel dipinto di un allievo del pittore reggiano Luca Ferrari, raffigurante l’Annunciazione.

Sul territorio comunale sono disseminati numerosi e affascinanti borghi di origine medievale, caratterizzati da suggestive corti e case-torri. Notevoli in particolare:

  • Cerezzola, con l’oratorio di S. Maria Maddalena
  • Bergogno, borgo turrito
  • Cerredolo dei Coppi, con i “volti di pietra” apotropaici incastonati nelle case
  • Pianzo, con la sua chiesa sproporzionata rispetto ai pochi abitanti del borgo

Numerosi, lungo il corso del fiume, sono i mulini ad acqua che sfruttano la corrente, in gran parte ancora attivi.

Notevole è anche la riserva naturale orientata “Rupe di Campotrera“, in cui è possibile visitare le cave per l’estrazione del basalto, attive dal 1922 al 1963, notevoli esempi di archeologia industriale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*