Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Castiglione Fiorentino, museo archeologico: foto

museo archeologico di Castiglione Fiorentino

Il museo archeologico di Castiglione Fiorentino (Ar)

Inaugurato nel 2001, il museo civico archeologico castiglionese ospita importantissimi reperti riportati alla luce dall’acropoli dell’oppidum etrusco. Il criterio dell’allestimento propone un itinerario per tematiche, la cui comprensione è resa più accessibile e gradita grazie all’ausilio di installazioni multimediali e brevi filmati ricostruttivi, con scelta facoltativa della lingua.

Sala del tempio tuscanico

protagonisti di questa sala sono i resti e gli elementi architettonico-decorativi (antefisse e sima) del tetto del tempio tuscanico di VI-II secolo a.C., scoperto sull’acropoli, in prossimità del museo. Il filmato virtuale offre una ricostruzione di una cerimonia sacra con sacrificio animale e relativa epatoscopia (interpretazione del futuro tramite il fegato, e più in generale, le interiora degli animali sacrificati).

Sala del tesoretto del Brolio

rinvenuto a fine ‘800, questo deposito di bronzi risale al V-IV secolo a.C. ed annovera protomi di grifo (applicate alle pareti esterne di un lebète su tripode), statuette umane di guerrieri ed offerenti, figure zoomorfe, utensili ed anelli. Il filmato mostra il funzionamento della tecnica usata per ottenere i bronzi (la “cera persa”).

Sala del sito di Brolio Melmone

tematica di questo ambiente è il contesto archeologico del sito etrusco che attorno al IV-III secolo a.C. giunse all’apice dello splendore. Le ricostruzioni multimediali illustrano le attività commerciali dell’abitato antico.

Sala dell’oppido di Castiglione Fiorentino

dedicata completamente al territorio del sito e ai siti limitrofi, la sala presenta una cartina delle emergenze archeologiche e i reperti ivi rinvenuti. Le due proiezioni attestano la vita del villaggio di capanne (X-IX secolo a.C.) e la sua evoluzione in centro etrusco di VI-II secolo a.C. La tendenza al suo abbandono, in età romana, ha seguito un’inversione di rotta durante il medioevo.

Galleria fotografica sul museo

Le prime otto foto espongono i materiali fittili della cornice templare del tetto (sima obliquo) e delle antefisse a protome leonina (prime 2 foto) e umana (foto 4 e 5); la ricostruzione virtuale del complesso sacro, tipicamente tuscanico (alto podio con gradini centrali e colonnato anteriore senza scanalature), è documentata dalle foto 6 e 7. L’ottava immagine attesta le offerte votive rinvenute nel tempio (ceramica e ossa animali). Le foto 9-12 riproducono i reperti bronzei del deposito di Brolio.

La foto 13 mostra le emergenze archeologiche segnate su una cartina. Dalla 14° alla 25° immagine si vedono i materiali scoperti a Brolio Melmone e i pannelli ricostruttivi delle attività manifatturiere del sito. La foto 26 è un pannello espositivo di un calice da Palestrina. La biblioteca è documentata dagli scatti n.27 e 28 mentre i materiali scoperti dalla cripta della chiesa di S. Angelo al Cassero, datati tra IV e II sec. a.C., sono esposti nelle foto 29-30.

Oggetti di arte sacra sono presenti nelle foto 31-33 insieme al simbolo di Castiglione: la torre del Cassero (foto 34-36). Dalla foto 37 alla 48 si possono vedere i sotterranei dell’area archeologica medievale, musealizzata in situ, e i magazzini (vecchie carceri) dei reperti adibiti a laboratorio per la catalogazione.

Link alle foto del museo archeologico

http://www.archart.it/italia/Toscana/provincia-Arezzo/Castiglione-Fiorentino-museo/index.html

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*