Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Cerveteri. Inaugurato il primo sito del Distretto Tecnologico dei Beni Culturali del Lazio

Necropoli della Banditaccia

La più estesa necropoli antica dell’area mediterranea diventa il primo sito curato da Lazio Futouring, il brand del Distretto Tecnologico dei Beni e le Attività culturali della Regione Lazio, che ha coniugato tecnologia e archeologia per raccontare ai visitatori le millenarie storie degli Etruschi. Video in 3D, effetti sonori, proiezioni audiovisive, ricostruzioni virtuali, plastici animati e Applicazione mobile mostrano ai visitatori della Necropoli della Banditaccia come erano le sepolture etrusche e quali erano i loro tesori oltre duemila anni fa.

Il progetto, la cui realizzazione è stata curata da Piero Angela, prevede un percorso ipertecnologico attraverso le otto sepolture etrusche più importanti della Necropoli. Le applicazioni si caratterizzano per il connubio non invasivo tra mondo reale e mondo virtuale: la priorità è assegnata all’oggetto e la tecnologia rappresenta solamente un arricchimento. Ampolle, arredi e corredi multimediali sono ricostruiti nelle tombe con rigore scientifico e nel rispetto della sacralità del luogo: effetti luminosi, proiezioni e suoni ricollocano al loro posto i reperti, oggi esposti nei musei, che una volta ornavano realmente la tomba. Oggetti che narreranno, grazie alla voce di Piero Angela, riti e usanze funebri propri degli Etruschi.

Oltre all’itinerario tra le tombe della Necropoli, il viaggio nel mondo etrusco è arricchito dal filmato 3D grazie a quale si possono ammirare, sospesi nella sala, gli oggetti attualmente conservati nel Museo archeologico di Cerveteri e in diversi musei del mondo. Si tratta di un’applicazione unica nel contesto italiano e dall’enorme potenzialità divulgativa: oltre a fornire tutti i dettagli degli oggetti, come fossero reali, ne illustra anche i relativi usi e costumi.