Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Chieti. Nuovo allestimento per il Guerriero di Capestrano

Chieti. Nuovo allestimento per il Guerriero di Capestrano

Mercoledì 26 gennaio 2011 verranno inaugurate contemporaneamente a Chieti due grandi iniziative:  la sala permanente dedicata al Guerriero di Capestrano, allestita da Mimmo Paladino presso il Museo Archeologico Nazionale di Villa Frigerj, e l’esposizione di sculture, dedicata al “nuovo Guerriero”, realizzata a Palazzo De Mayo, presso il nuovo Centro espositivo della Fondazione Carichieti. La realizzazione dei due eventi è stata possibie grazie al produttivo e accorto dialogo tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Abruzzo, presieduta da Andrea Pessina, e la Fondazione Carichieti, diretta da Mario Di Nisio.

Il Guerriero di Capestrano, simbolo dell’Abruzzo e della plastica arcaica italiana, sarà sospeso in una realtà senza tempo, tra passato e presente, grazie all’allestimento dell’artita contemporameno Mimmo Paladino. L’artista, la cui opera si richiama esteticamente e formalmente alle antiche civiltà, si è ispirato al Guerriero anche per il suo nuovo lavoro in terracotta “Guerriero”, che verrà esposto presso il polo culturale della Fondazione Carichieti nell’esposizione “Mimmo Paladino e il nuovo Guerriero. La scultura come cosmogonia”, a cura di Gabriele Simongini.

Chieti. Nuovo allestimento per il Guerriero di Capestrano

Le due inziaitive sono documentate da due cataloghi diversi, pubblicati da Allemandi: uno dedicato all’esposizione dei lavori di Paladino, a cura di Gabriele Simongini, l’altro alla nuova stanza del Guerriero, curato dallo stesso Simongini e da Andrea Pessina. Ai saggi di Simongini si aggiungeranno quelli di Enzo Di Martino, per entrambi gli eventi, e di Maria Ruggeri, per la sala del Guerriero.

(foto cortesia ufficio stampa Rosi-Fontana)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*