Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Cirencester, Gran Bretagna. Importanti scoperte di archeologia romana

scavi romani di Cirencester

Gli scavi romani di Cirencester possono cambiare la storia

Gli scavi condotti presso gli ex Bridges Garage in Tetbury Road hanno dissotterrato oltre 40 tumuli sepolcrali e quattro resti di cremazioni. Gli esperti sostengono che si tratta della più importante scoperta archeologia in città dal 1970, tanto che Neil Holbrook, direttore generale della Cotswold Archaeology, ha affermato che non si può assolutamente sottovalutare il potenziale significato di questa scoperta.

Gli archeologi dicono di essersi emozionati in particolar modo nel momento della scoperta della tomba di un bambino, che conteneva un fiasco in terracotta che potrebbe risalire al primo periodo romano, ossia tra il 70 d.C. e il 120 d.C.

L’emozione deriva dal fatto che, se tutta l’area sepolcrale risultasse databile a quel periodo, questo fatto potrebbe mettere seriamente alla prova la comune convinzione degli archeologi che vuole come le inumazioni sepolcrali non fossero una pratica molto comune fino al tardo periodo romano.

È naturale che una scoperta di questo tipo potrebbe davvero avere una grande ripercussione nell’intero mondo dell’archeologia, in particolar modo in quello britannico, per questo gli esperti del team di Holbrook sono ancora al lavoro per cercare di ottenere informazioni aggiuntive riguardo alla datazione del sito.

Uno scavo effettuato nella medesima zona, condotto intorno agli anni Sessanta prima della costruzione del garage, aveva portato alla luce i resti di 46 creamzioni, sei tumuli sepolcrali e una lapide incisa che può essere datata in un periodo che va dal I al III secolo d.C..

Cliff Bateman, il project maganer della Cotswold Archaeology, ha affermato anche che è davvero insolito e sorprendete che così tanti reperti archeologici siano sopravvissuti al boom edilizio e al susseguirsi delle costruzioni che ha caratterizzato quella zona negli ultimi decenni.

Il luogo dove si trova l’ex Bridges Garage si trova appena fuori dalla città, suggerendo che l’area sepolcrale fosse stata progettata in piena osservanza con le leggi romane, che vietavano di seppellire all’interno dei confini della città. Tra i reperti ritrovati nelle tombe ci sono due braccialetti realizzati con perline di vetro verde, scisto e leghe di rame.

Al momento i reperti saranno conservati presso l’ufficio centrale della Cotswold Archaeology, che si occuperà anche di analizzare gli scheletri. Ci si augura che almeno una parte dei ritrovamenti possano essere esposta al pubblico nel Museo Corinium di Cirencester, per permettere a tutti di goderne, magari anche solo per un determinato periodo di tempo con una semplice mostra.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*