Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Cividale. Scoperte nuove tombe longobarde

Cividale. Scoperte nuove tombe longobarde

Nel corso dei lavori di urbanizzazione di Cividale, nei pressi della stazione ferroviaria, sono emerse nuove e importanti sepolture di età longobarda. Infatti, gli scavi preventivi, sovvenzionati dalla Steda S.p.a. e condotti dalla Società Arxè, hanno restituito una trentina di tombe, femminili, maschili e infantili, alcune già violate in passato, altre integre, con tutti gli oggetti che caratterizzano i corredi funebri longobardi. Affianco ai guerrieri sono state trovate lance, coltelli e spade, ma anche borse di materiale deperibile contenenti acciarini, pettini e monete; mentre le donne sono state deposte con interessanti corredi formati da strumenti di ferro, pettini e vasi in ceramica.

Fra tutte le tombe spicca una sepoltura femminile all’interno della quale è stata trovata una croce dorata e decorata a sbalzo, in origine posta su un velo fissato sui capelli con un ago crinale in bronzo, a coprire il volto della defunta.

Cividale. Scoperte nuove tombe longobarde

Le trenta sepolture formano un’area della splendida necropoli “della Ferrovia”, uno dei più grandi cimiteri tra quelli disposti fuori dalla cerchia muraria romana di Cividale, ben conosciuta da tempo: infatti, alcune scoperte, effettuate a cavallo tra XIX e XX secolo, avevano già indicato la presenza di tombe appartenenti a personalità importanti dell’aristocrazia longobarda. Poi, negli anni Sessanta del XX secolo erano emerse, sempre in questa zona, altre sepolture: tra i reperti rinvenuti il più interessante risultò un bacile in bronzo di tipo copto, oggi esposto al Museo Nazionale di Cividale.

Dunque, una vasta zona a nord-est del centro storico a forte rischio archeologico: motivo per cui la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Friuli Venezia Giulia, con la collaborazione del Comune di Cividale, aveva disposto la sorveglianza ai lavori su Viale Libertà. Per il momento il lavoro degli archeologi prosegue malgrado il clima inclemente, per consentire il recupero dei materiali, che sono quotidianamente trasferiti al Museo Archeologico Nazionale di Cividale.

Cividale. Scoperte nuove tombe longobarde

1 Commento su Cividale. Scoperte nuove tombe longobarde

  1. Notizia interessante, ho approfondito l’arte longobarda negli aspetti dell’oreficeria e dell’architettura. Mi piacerebbe conoscere anche l’arte cosiddetta “funeraria” che caratterizza questa affascinante cultura.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*