Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Classe (Ra). Un tunnel allagato svela un “deposito” di reperti

Classe (Ra). Un tunnel allagato svela un "deposito" di reperti

Nel corso degli scavi subacquei condotti dal Gruppo Ravennate Archeologico a Classe, in un antico condotto sfruttato per uso domestico, è stata rinvenuta un’ingente quantità di reperti che sembrano risalire al I-II secolo d.C. La conduttura è stata rinvenuta a una profondità do 3,5 m circa 26 anni fa nel corso della costruzione di alcune abitazioni e da allora il Gruppo Archeologico Ravennate conduce annualmente una campagna d’indagine archeologica della durata di alcune settimane.

Il Presidente del Gruppo Archeologico Ravennate, Giovanni Fucci, ha comunicato che sono stati rinvenuti da poche settimane due piccoli specchi d’argento su cui sono presenti delle iscrizioni in greco antico, un coltello da cucina con manico realizzato in corno (I secolo d.C.), un piccolo cestino in vimini, lucerne di varia tipologia risalenti al I-II secolo d.C., una placca d’ottone dorata forse pertinente a un indumento e su cui è presente un’iscrizione in greco antico, e alcune monete illeggibili al momento del ritrovamento.

Al momento il cantiere è chiuso per la messa in sicurezza in occasione dello scavo subacqueo notturno previsto nella giornata di Sabato 23 Luglio dalle ore 21.00 e organizzato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna.

Allo scavo hanno partecipato laureati in Beni Culturali e in Archeologia, un architetto, un ingegnere e alcuni pensionati.

Le indagini archeologiche dovrebbero proseguire per un paio d’anni e saranno realizzati sempre dal Gruppo Archeologico Ravennate che si autofinanzia, oltre a ricevere contributi da RavennAntica, Cassa di Risparmio di Ravenna e Marine Consulting.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*