Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Egitto – si cerca la tomba dove riposano Marcantonio e Cleopatra

Un’equipe di studiosi di archeologia egiziani e domenicani si è incaricata di una missione speciale: cercare la tomba nascosta di Marcantonio e Cleopatra. La squadra di esperti è sicura di aver identificato l’esatta ubicazione del leggendario sepolcro a trenta chilometri da Alessandria, presso il tempio di Tabusiris e la campagna di scavo prenderà il via in questi giorni. Nel caso in cui la missione si concludesse con un successo, questi archeologi saranno i fortunati responsabili della scoperta archeologica del nostro secolo. Infatti, malgrado la testimonianza di Plutarco in merito, nessuno può affermare con sicurezza che Cleopatra e Marcantonio siano stati seppelliti veramente nello stesso sepolcro. 

Il professor Michael Whitby della Warwick University pone in evidenza il fatto che nel mondo antico non esistono prove a conferma delle parole del greco Plutarco e non rimane che chiedersi se lo scaltro Ottaviano, che aveva preso di mira il dissoluto Antonio e Cleopatra, la regina straniera che era diventata la sua amante, attraverso il suo collaudato apparato propagandistico, li avrebbe mai onorati di un simile riguardo. Ergo: la tomba congiunta di Marcantonio e della regina egizia è soltanto una leggenda.

Però, Zahi Hawass (direttore del Consiglio Superiore per le Antichità egiziane) insieme a Kathleen Martinez (componente della squadra domenicana) non la pensano allo stesso modo. Hawass è stato il primo a riconoscere nel tempio di Tabusiris il luogo del leggendario sepolcro e ora cerca di dimostrare la sua teoria in proposito. Inoltre, il ritrovamento di dieci mummie appartenenti a personalità illustri dell’anno scorso, secondo la Martinez, rafforzerebbe la loro ipotesi.

Per di più, negli ultimi tempi, gli archeologi hanno portato alla luce nel tempio di Tabusiris una statua bronzea raffigurante la dea Afrodite, una testa realizzata in alabastro che riproduce Cleopatra e una maschera funeraria assegnata al triumviro, oltre a ventidue monete con scolpito il volto della regina egiziana. Scoperte che incoraggiano l’equipe egizio-domenicana a incominciare coi lavori di scavo e rinnovano il mito della bellezza della sovrana d’Egitto, poiché i reperti archeologici dimostrano che Cleopatra non aveva per niente un brutto aspetto. Infine, Zehi Hawass ha dichiarato al Times che la scoperta del sepolcro di Marcantonio e Cleopatra risulterebbe più importante del ritrovamento della tomba di Tutankhamon.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*