Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Etruschi: la storia

Le origini degli Etruschi si collocano nel IX sec. a.C., nel periodo protostorico noto come villanoviano dal nome dell’omonima e coeva cultura che dilagò nella penisola italica. In quest’epoca si riscontrano infatti i primi segni di nascita di un popolo che si va affermando politicamente e culturalmente: nacquero piccoli centri protourbani sui siti delle future grandi città etrusche, si registrò una consistente crescita demografica e aumentò notevolmente la produzione e lo sfruttamento delle risorse minerarie di cui era ricco il suolo italico.

Soprattutto a partire dall’VIII sec., fase più recente del villanoviano, gli Etruschi iniziarono a navigare nel Mediterraneo tessendo rapporti commerciali con la Grecia e il Vicino Oriente: questa fusione portò a risultati notevoli nelle produzioni artistiche ed artigianali. La fine dell’VIII e gli inizi del VII sec. a.C. furono caratterizzati da una forte crescita economica e da un marcato e rapido processo di urbanizzazione che segnarono l’apogeo della storia etrusca; la potenza raggiunta si manifestava soprattutto con il dominio sul Mediterraneo; i naviganti etruschi, chiamati nell’antichità pirati tirrenici, detennero il controllo dei traffici via mare, soprattutto il Tirreno, fino al VI sec. a.C..

Tuttavia sul finire di questo stesso secolo, le mutate condizioni politiche dei popoli affacciati sul bacino del Mediterraneo, Greci, Magno Greci e Punici, che portarono con sé guerre e accesi scontri, ebbero dure ripercussioni sugli Etruschi che con tali popolazioni detenevano fitti rapporti commerciali; tali vicende portarono alla fine della talassocrazia e al declino della potenza etrusca.

Gli Etruschi, già provati da ripetute sconfitte, nel corso del V sec. a.C. dovettero poi affrontare il lungo ed estenuante scontro con Roma. La potenza romana, forte del suo esercito e della sua abilità politica e diplomatica, approfittando dei contrasti tra le città etrusche incapaci di allearsi, in poco più di un secolo riuscì a sottomettere l’intera Etruria. La conclusione del sanguinoso conflitto segnò la fine del popolo etrusco: le grandi città di un tempo continuarono ad esistere, legate a Roma in qualità di colonie o municipi ma nutrendo ancora una certa autonomia culturale. Soltanto dopo la guerra sociale (90-88 a.C.), tutti gli abitanti della penisola ottennero il diritto di cittadinanza romana e si compì definitivamente il processo di romanizzazione che assorbì gli italici e l’intera nazione etrusca.

Approfondisci la storia degli Etruschi

  • Il mistero dell’origine

  • Le origini
  • L’apogeo
  • Il declino
  • Lo scontro con Roma
  • La fine 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*