Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Ferrara. Apertura by night

Sabato 20 novembre 2010, il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara e Casa Romei si sono aperti alla musica nell’ambito dell’evento nazionale Musei in Musica, promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, offrendo una notte tra cultura, canti, danza, musica rinascimentale e visite guidate. La serata ferrarese è stata promossa dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna e dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini con la collaborazione di Rione Santo Spirito, dell’Università degli Studi di Ferrara, dall’Associazione Culturale Bal’danza, dal dottor Giovanni Lamborghini e dal Gruppo Archeologico Ferrarese.

In concomitanza con la prima edizione di Musei in Musica, le antiche abitazioni di Antonio Costabili e Giovanni Romei hanno fatto tardi, riaprendo dalle 20 alle 2 del mattino con un programma ricco di musica, cultura, arte, danze e canti a ingresso gratuito e organizzato dall’Associazione Culturale Bal’danza.

Alle 20.45 il Museo di Casa Romei ha aperto le danze con il concerto “Le Villotte del Fiore o alla Napoletana” del compositore rinascimentale Filippo Azzaiolo, eseguito dal Coro dell’Università degli Studi di Ferrara; mentre alle 23, Giovanni Lamborghini, storico dell’arte, ha guidato i visitatori in una visita del museo.

Il Museo Archeologico, invece, ha offerto un singolare omaggio agli scacchi, gioco che nel Rinascimento ha goduto di una strepitosa diffusione. Alle 22.30, il Rione Santo Spirito ha rappresentato “Scacco… al Re (ovvero la sorte in giuoco)”, una combinazione di musica, danza e recitazione intramezzato da duelli fra pedine. Per tutta la serata i volontari del Gruppo Archeologico Ferrarese hanno proposto una serie di visite guidate con temi a sorpresa che hanno spaziato dal giardino alla sala del tesoro, dalle collezioni ai miti, dalle oreficerie alle piroghe. Alle 21.30 e alle 23.30, le archeologhe Chiara Guarnieri e Caterina Cornelio hanno proposto un interessante percorso alla scoperta del “Museo segreto”.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*