Francia. Importante scoperta archeologica in una grotta sui Pirenei

Gli ultimi ritrovamenti effettuati all’interno dell’antro di Mas d’Asil, situata nella parte francese dei Pirenei, hanno sovreccitato il mondo scientifico. Da alcune settimane, un’équipe di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ricerca Archeologica Preventiva sta lavorando agli scavi preventivi del progetto di rivalutazione di questa grotta, classificata come zona protetta. Al principio del mese di dicembre 2011, gli archeologi hanno identificato uno strato archeologico tralasciato dalle indagini del diciannovesimo secolo, dal quale hanno estratto numerosi reperti archeologici, come selci, ossa, etc. Questo ritrovamento insperato ha permesso di datare il sito tra i trentacinque mila e i dodici mila anni avanti Cristo e

Gli ultimi ritrovamenti effettuati all’interno dell’antro di Mas d’Asil, situata nella parte francese dei Pirenei, hanno sovreccitato il mondo scientifico. Da alcune settimane, un’équipe di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Ricerca Archeologica Preventiva sta lavorando agli scavi preventivi del progetto di rivalutazione di questa grotta, classificata come zona protetta. Al principio del mese di dicembre 2011, gli archeologi hanno identificato uno strato archeologico tralasciato dalle indagini del diciannovesimo secolo, dal quale hanno estratto numerosi reperti archeologici, come selci, ossa, etc.

Questo ritrovamento insperato ha permesso di datare il sito tra i trentacinque mila e i dodici mila anni avanti Cristo e di contestualizzare i reperti d’arte mobiliari e gli altri materiali emersi agli inizi del ventesimo secolo. Il contesto ambientale, invece, si potrà ricostruire grazie alla grande sequenza stratigrafica, spessa fino a sette metri, che renderà la caverna una zona archeologicamente viva. L’obiettivo è quello di formare un ottimo team di ricerca e di reperire partner che sovvenzionino un programma scientifico integrativo allo scopo di rilanciare l’interesse archeologico e turistico del sito.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.