redazione - articoli in archivio

  • Italia, Santo Stefano di Camastra – si “fa archeologia” con l’ArcheoClub

  • Alle 18.30 di sabato 31 gennaio si è tenuto a Santo Stefano di Camastra (in provincia di Messina), presso Palazzo Trabia, nella sala adibita ai ricevimenti, l’incontro intitolato Archeologia e Territorio, nel corso del quale è avvenuta la presentazione al pubblico della sede di ArcheoClub d’Italia a Santo Stefano di Camastra, la cui attività principale sarà improntata sui Nebrodi.

  • Italia, Orvieto – al Museo Faina è stato presentato il terzo volume della collana intitolata Italia Antiqua

  • Nella Saletta delle Conferenze che si trova all’interno del Museo Claudio Faina è stato presentato, alle ore 17.30 di venerdì 30 gennaio, il terzo volume di Italia Antiqua, per le Edizioni Quasar Roma, edito, grazie al contributo offerto dalla Cassa di Risparmio di Orvieto S.p.A. e dalla Scuola di Etruscologia e Archeologia dell’Italia Antica fondata dagli sforzi congiunti di due fondazioni culturali cittadine: Fondazione per il Museo Claudio Faina e la Fondazione per il Centro Studi Città di Orvieto.

  • Italia, Ercolano – un’equipe di studiosi italo-inglese effettua una TAC in cima alla Basilica della città romana devastata dalla furia del Vesuvio

  • L’obiettivo della TAC effettuata ad Ercolano dalla squadra composta da alcuni studiosi italo-inglesi è stato quello di indagare la zona dell’antica Basilica, la costruzione d’età romana che coincide con il tribunale dei nostri giorni. Gli esiti dello studio consentiranno una più vasta conoscenza dell’ubicazione e delle condizioni di conservazione della Basilica. Per di più, visto che non si conosce niente della struttura della città romana vicino alla costruzione analizzata, l’analisi evidenzierebbe l’estensione e la forma di tutto il quartiere antico tuttora interrato.

  • Italia, Siena – al via l’inaugurazione dei nuovi master in Sistemi informativi territoriali e telerilevamento e in Geotecnologie per l’Archeologia

  • Lunedì 26 gennaio verranno inaugurate le nuove edizione dei master di secondo livello, appoggiati dal centro di Geotecnologie attivo presso l’Università di Siena, in Sistemi informativi territoriali e telerilevamento e in Geotecnologie per l’Archeologia. Questi corsi sono destinati a esperti e studenti che provengono da tutta Italia, particolarmente dal Veneto, dalla Sicilia, dalla Sardegna e dalla Puglia.

  • Italia – al Tg3 sbarca il progetto Imago Urbis

  • Cos’è Imago Urbis? È una banca dati che nasce da una ricerca ventennale rivolta alla catalogazione e alla raccolta dei dati archeologici che riguardano Roma e il suo territorio in un’epoca che va dalla metà del nono secolo avanti Cristo alla metà del sesto secolo dopo Cristo. L’importante lavoro di ricerca è stato gestito dalla Cattedra di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e romana della facoltà di Scienze Umanistiche che risponde all’Università La Sapienza.

  • Italia, Pompei – è avvenuto il primo tentativo di colorazione di tessuti usando le tecniche degli antichi

  • A Pompei, Il 15 novembre del 2008 si è sperimentata per la prima volta la tintura di tessuti utilizzando le tecniche antiche. La caldaia usata è stata ricostruita apposta dal Centro studi Jean Berard, dove gli studiosi si sono basati alle caldaie originali d’epoca romana che si sono conservate integre in certe tintorie della parte antica della città.

  • Italia, Rignano Garganico – progetto per un itinerario archeologico con lo scopo di valorizzare il patrimonio del Gargano

  • Tramite un piano di lavoro attuato dall’amministrazione del comune di Rignano Garganico sarebbe possibile realizzare un itinerario archeologico con lo scopo di valorizzare possedimenti di gran pregio per l’area del Gargano. Il percorso congiungerebbe il sito di Grotta Paglicci (risalente al paleolitico), la mostra/museo sita nella Grotta Paglicci, la Cappella campestre dedicata alla Madre di Cristo e il Dolmen situato nella Piana della Madonna di Cristo, senza dimenticare la zona archeologica e ambientale conosciuta come Cento Pozzi, una dolina carsica che l’Ente del Parco Nazione del Gargano ha adottato.

  • Macedonia, Skopje – alla ricerca dei tesori perduti

  • In Macedonia una cosa che sta divenendo davvero popolare è la ricerca dei tesori celati: difatti sono molte le persone che setacciano la regione spinte sia da animo avventuroso che dalle poche possibilità economiche. Sono molti coloro che, influenzati da vecchie leggende e antiche mappe comprate nella città di Istanbul, credono che in questo paese vi sia seppellito un magnifico tesoro: però sembra che nessuno lo abbia ancora scovato, o in caso contrario, è certo che il fortunato non ne ha fatto parola.

  • Italia, Alessandria: rinvenuto importante tratto di strada romana

  • Confermata l’esistenza di antiche linee di collegamento tra Tortona e Vado Ligure grazie a riprese effettuate dall’alto che hanno riportato alla luce il tratto stradale conosciuto come ‘Via Emilia Scauri’; il merito va alla Soprintendenza Archeologiaca della regione Piemonte e al Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale di Torino.

  • Polonia, Varsavia: identificati i resti di Copernico mediante due capelli.

  • Grazie a due capelli rinvenuti all’interno di un libro, appartenuto in passato a Niccolo Copernico, è stato possibile stabilire che il cranio ritrovato nel 2005 in una delle tombe della cattedrale di Frombock appartenesse effettivamente al famoso astronomo polacco. La scoperta, ad opera di un’equip polacco-svedese, è stata assicurata tramite confronto del Dna dei due reperti archeologici.