Restauri - articoli in archivio

  • Pompei: le case restaurate resteranno aperte al pubblico

  • Tre importanti case pompeiane sono state riaperte al pubblico dopo svariati anni e altrettanti di lavori di restauro. Già dalla riapertura per Pasqua, però, avvenuta alla presenza del ministro Franceschini, si sapeva che sarebbero state visitabili solo fino al 30 aprile e secondo orari stabiliti a causa della mancanza di personale. Oggi sembra, invece, che le domus di Romolo e Remo, di Trittolemo e di Marco Lucrezio Frontone, rimarranno aperte al pubblico in considerazione anche del grande successo di visitatori che hanno scelto l’area archeologica vesuviana come luogo da visitare durante i lunghi ponti festivi di queste ultime settimane. I

  • Roma. Villa dei Quintili, aperti i nuovi scavi

  • Il nostro appuntamento settimanale dei “venerdì di Archeorivista” questa volta è attualità, cronaca viva: racconta la visita di giovedì 25 novembre 2010 ad uno straordinario sito archeologico: la romana Villa dei Quintili, dove i lavori non sono terminati. Sono stati intanto presentati i risultati dei nuovi scavi e la sistemazione per il pubblico dell’area tra l’Appia Nuova e l’Appia Antica.

  • I colori di Giotto e l’archeologia del colore in mostra ad Assisi (terza parte)

  • Questo “venerdì di Archeorivista” è dedicato ancora ad Assisi, per la mostra aperta dall’11 aprile al 5 settembre nell’ambito delle celebrazioni dei due centenari, l’VIII dell’Accettazione della Regola francescana da parte di papa Innocenzo III e il VII della Presenza di Giotto ad Assisi. L’“archeologia del colore” ci porta ora alle Storie di San Francesco della Basilica Superiore, dopo aver visitato la Cappella di San Nicola nella Basilica Inferiore con in corso il restauro degli affreschi. Ma dopo aver seguito, nella seconda parte, il resoconto di Giuseppe Basile sul restauro delle vele crollate con il sisma del 1997, ci sentiamo

  • Italia, Ragusa. Palazzo Garofalo diventa sede del Museo della Cattedrale

  • Palazzo Garofalo venne ultimato negli anni Venti e rappresenta uno dei palazzi storici di Ragusa, se non altro perché nelle sue stanze si riunivano i più importanti rappresentanti della borghesia iblea. Nel corso del tempo, l’edificio ha ospitato due circoli cittadini, quello dei professionisti e quello degli impiegati; il Cafè Orientale, punto di ritrovo della borghesia e degli intellettuali della città negli anni Trenta, e la Libreria Moderna.

  • Italia, Lugagnano Val d’Arda (Pc). Si rinnova l’area archeologica di Veleia romana

  • Veleia Romana venne ritrovata nel 1760 dal Duca Filippo di Borbone e, oggi, a 250 anni dalla riscoperta, la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia-Romagna rinnova l’area archeologica, offrendo ai visitatori un allestimento museale e un percorso di visita attrezzato nuovi, creati secondo i più recenti dati scientifici e con stimolanti richiami agli scavi settecenteschi.

  • Italia, Roma – Riapre l’Istituto Archeologico Germanico

  • Dopo una chiusura di oltre tre anni per ristrutturazione, l’Istituto Archeologico Germanico di Roma tornerà finalmente ad essere aperto agli studiosi a partire dal 25 Gennaio 2010 nella sede provvisoria di via Curtatone 4d. L’Istituto, emanazione dell’Istituto di Corrispondenza Archeologica fondato nel 1829, costituisce un fondamentale punto di riferimento per gli studiosi del settore e un privilegiato punto di osservazione e confronto per tutta la comunità scientifica, promuovendo da decenni ogni forma di dialogo e scambio tra studiosi afferenti a istituzioni italiane e estere. L’accesso alla biblioteca e alla fototeca del Germanico è consentito a specialisti di tutte le nazioni

  • Turkmenistan – Il Veneto restaurerà il monastero-caravanserraglio appena scoperto

  • Con un costo di circa cento mila euro e un sostegno di quindici mila euro per anno offerto dal Consiglio regionale, il veneziano Centro Studi Ricerche Ligabue si accinge a restaurare il caravanserraglio-monastero sito a Karaba Koshuv (Turkmenistan).

  • Italia, Roma – scoperto il più antico ritratto di San Paolo

  • Sebbene l’eccezionale scoperta sia stata effettuata venerdì 19 giugno 2009, solo recentemente è stata riportata dal quotidiano papale “Osservatore Romano”: si tratta della più antica immagine sacra dedicata al culto di San Paolo. I responsabili dell’importantissimo ritrovamento sono stati i restauratori della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, a cui il viso severo dell’Apostolo delle genti è comparso inaspettatamente sulla volta di un cubicolo nel corso del restauro delle catacombe di Santa Tecla, situate nella zona di via Ostiense (Roma).

  • Italia, Napoli – raddoppia l’ area archeologica di San Lorenzo Maggiore

  • Da mercoledì 20 maggio 2009 è possibile visitare il percorso di San Lorenzo Maggiore, ampliato grazie ai nuovi i lavori di scavo e restauro eseguiti con i fondi POR 2000-2006, PIT Grande Attrattore Napoli.

  • Iraq, Baghdad – riapre il museo archeologico dell’Iraq

  • Riapre a Baghdad il Museo dell’Iraq, con il recente allestimento delle Sale Islamiche e della Galleria Assira, che era stato chiuso già nel 1991 all’inizio della prima guerra del Golfo e, in seguito, depredato nel 2003. I locali del museo, che hanno potuto riaprire grazie all’aiuto offerto dal Governo italiano e all’impegno di quello iracheno, saranno adesso accessibili agli studiosi provenienti da tutto il mondo e alle scolaresche dell’Iraq.