Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Germania, Querfurter Platte. La necropoli dello scheletro seduto

scheletro-seduto-germania
Lo "scheletro seduto"

Nella Germania centrale, durante scavi di emergenza per un cantiere, è stata individuata una necropoli risalente all’Età della pietra con numerose tombe; alcune hanno rivelato reperti di grande importanza, tra cui gioielli di dente di cane e una donna sepolta in posizione seduta.

Lo “straordinario” scheletro di una donna sepolta in posizione seduta è stato scoperto durante un rilevamento archeologico effettuato durante i lavori di costruzione della linea per un treno ad alta velocità in Germania. La donna, che è vissuta all’inizio dell’ Età del Bronzo (dal 2200 al 1600 a.C.), è stata trovata vicino alla città di Bad Lauchstadt ed è solo uno dei vari sepolcri scoperti fin’ora durante gli scavi (da settembre 2008 a giugno 2010). Da un punto di vista archeologico, lo scavo è stata una magnifica occasione per acquisire informazioni sulla crescita dell’insediamento nella zona di Querfurter Platte, un’area geologica tra Saale e le valli del fiume Unstrut,secondo quanto affermato da Ralf Bockmann, il portavoce del “Saxony-Anhalt”, l’ufficio del Monument Protection and Archaeology di Saale, in Germania.

veduta-necropoli-germania
Veduta aerea della necropoli

Secondo i dati acquisiti dagli studiosi, il vasto numero di tracce di antiche culture e la qualità degli individui ritrovati, mostra come questa regione sia stata per migliaia di anni non solo un’ area di insediamento ma anche un’ importante punto di passaggio per le vie di comunicazione e di movimentazione merci dell’epoca. Bockman sostiene che la regione ha un suolo assai fertile ed è stata abitata per molto tempo grazie a questa peculiarità favorevole, ma fin’ora non sono mai state condotte delle ricerche archeologiche su larga scala in questo territorio.

(ph. Saxony-Anhalt State Office for Heritage Management and Archaeology)

1 Trackback & Pingback

  1. Le 10 grandi scoperte archeologiche del 2009, secondo National Geographic

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*