Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Gran Bretagna, Damerham. Scoperto un complesso di culto nei pressi di Stonehenge

stonehenge-tombe-crop-circles
Veduta aerea del sito con i cerchi nel grano ben evidenti

L’avvistamento di quelli che in un primo momento sono stati considerati semplici “crop circles”, ha invece consentito agli archeologi di scoprire un sito archeologico di epoca pre-Stonehenge, individuando le rovine di un vasto complesso cultuale con le tracce di templi, due grandi tombe a tumulo e dozzine di altre sepolture che appartengono alla cosiddetta “prima architettura Britannica”.

Dei gruppi di crop circles (comunemente chiamati in italiano cerchi nel grano) avvistati dall’alto hanno dato la possibilità agli archeologi di scoprire inaspettatamente un’enorme complesso cerimoniale nel sud dell’Inghilterra. Mille anni più antico di Stonehenge, il sito include le tracce lasciate da templi realizzati in legno e due enormi tombe, databili a circa 6000 anni fa, che appartengono alla cosiddetta “prima architettura Britannica”. Le ricerche sono state dirette dall’archeologa Helen Wickstead, responsabile del Damerham Archaeology Project. Il suo collega Joshua Pollard, pur non essendo stato coinvolto nelle ricerche, condivide l’analisi e ha definito la scoperta di grande rilevanza scientifica e in grado di regalare decenni di intensa attenzione archeologica alla Stonehenge Region.

Tombe antiche di 6000 anni

Il sito archeologico si estende su una superficie di quasi 200 ettari nei pressi del villaggio di Damerham, a circa 24 kilometri da Stonehenge. Le evidenze della presenza di strutture sepolte sono state scoperte durante un rilevamento aereo di routine compiuto dall’English Heritage, (l’agenzia del governo per la conservazione storica); quelli ritenuti in un primo momento dei classici crop circles sono invece risultati essere l’evidenza superficiale della presenza di strutture archeologiche sepolte, che interferiscono con la crescita delle piante. I veri cerchi nel grano sono invece vasti disegni creati dall’appiattimento di spighe. Gli elementi fondamentali del sito sono due grandi tombe coperte da massicci tumuli di terra, originariamente molto evidenti e poi resi più bassi da centinaia di anni di aratura; il loro nome popolare è long barrows (lunghe carriole).

Si stima che abbiano circa 6000 anni, sulla base delle ricerche condotte su tombe simili scoperte nel Regno Unito, le due long barrows risultano essere ad oggi gli elementi più antichi ritrovati nel complesso cerimoniale. Sepolcri di forma rettangolare sono davvero rari da trovare, e risultano la forma architettonica più antica del paese, secondo quanto afferma Wickstead; l’ultima ricerca su larga scala riguardante questo tipo di sepoltura risale al 1950.

(ph.  Damian Grady/English Heritage)

1 Trackback & Pingback

  1. Le 10 grandi scoperte archeologiche del 2009, secondo National Geographic

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*