Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Gran Bretagna, York. La “Signora dai bracciali d’avorio” svela un metropoli multiculturale del IV secolo

Ricostruzione del volto della Signora nera di York
Ricostruzione del volto della "signora dei bracciali di avorio" da York

Una sorprendente ricerca ha rivelato che la multiculturale Gran Bretagna del XXI secolo non affatto una novità: si è infatti scoperto che quasi 1600 anni fa alcuni africani neri erano perfettamente integrati nell’alta società della York romana. Uno studio dei diversi resti umani e manufatti del IV secolo d.C. conservati presso il Museo di Yorkshire mostra che i nordafricani vivevano lì già migliaia di anni fa.

I risultati più interessanti provengono dall’ analisi del cosiddetto “Signora dai bracciali d’avorio” (avorio bangles lady), i cui resti sono stati trovati nel 1901 sulla “Sycamore Terrace” della città. Il cranio è stato trovato sepolto assieme a una vasta gamma di gioielli, tra cui dei bracciali di avorio di elefante, degli orecchini pendenti e uno specchio di vetro, oggetti che stanno a indicare la notevole ricchezza e l’elevato status sociale degli individui a cui appartenevano. La ricerca ha dimostrato la loro probabile origine nordafricana, portando a ritenere che la donna provenisse da terre con clima più caldo e fosse successivamente emigrata verso York.

L’affascinante studio è stato condotto dal Dipartimento di Archeologia dell’Università di Reading e da uno dei suoi docenti, la d.ssa Hella Eckhardt, che ha affermato: “Fino a ora abbiamo potuto fare affidamento sotanto alle iscrizioni per poter provare la presenza di tali stranieri nella Britannia romana. Tuttavia, analizzando le caratteristiche del viso della “Signora dai bracciali d’avorio”, misurando il suo cranio e studiando la firma chimica del cibo e delle bevande che essa consumava, nochè alcune alre evidenze provenienti dal luogo di sepoltura, siamo ora in grado di stabilire un chiaro profilo della sua ascendenza e del suo status sociale”.

Il bracciali in avorio della regina nera di York
I famosi bracciali in avorio

Ha inoltre aggiunto: “Abbiamo capito di avere di fronte a noi un mix di popolazione che si avvicina molto di più a quello della Gran Bretagna contemporanea rispetto a quanto ritenuto dai precedenti storici. Nel caso di York, la popolazione romana deve aver avuto origini diverse, tante più di quante ce ne siano attualmente. Questo cranio è particolarmente interessante, perché il sarcofago di pietra in cui era sepolta e la ricchezza dei beni presenti indicano che era una donna molto ricca, appartenente all’alta società di York”.

Eckhardt ha anche affermato che questo caso si contrappone all’ipotesi derivante dalla più recente esperienza storica, che indica che gli immigrati erano spesso dei maschi appartenenti a un basso livello sociale, e che gli individui africani erano probabilmente solo degli schiavi. E’ chiaro invece, che in tarda epoca romana sia le donne che i bambini si trasferirono in tutto l’Impero, spesso associati con militari di rango”.

La ricerca è stata pubblicata nell’edizione di marzo del “Journal Antiquity”.

La “Signora dai bracciali d’avorio” e gli oggetti rinvenuti nella sua sepoltura sono stati l’elemento centrale di una nuova mostra intitolata “Roman York: meet people of the Empire”, che si è tenuta presso il museo nel mese di agosto. York, nota come Eboracum in epoca romana , era un insediamento civile di grande importanza, tant’è che visitato nei secoli da numerosi imperatori.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*