Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Hierapolis. Archeologi italiani confermano la scoperta della tomba dell’apostolo Filippo

tomba di San Filippo

Grazie al lavoro dei ricercatori dell’Università del Salento quella che per oltre duemila anni si è pensato fosse solamente una leggenda, oggi è diventata realtà. Risolvendo un ingarbugliato enigma dell’antichità, gli archeologi hanno individuato nel sito turco di Hierapolis la tomba di San Filippo, uno degli apostoli, martirizzato nell’80 dopo Cristo.

La missione archeologica italiana, diretta da Francesco D’Andria, professore ordinario di archeologia classica, ha comprovato la natura del monumento, individuato l’anno scorso, sotto ai resti di un tempio bizantino del V secolo, costruito proprio in omaggio alla tomba. Le operazioni di scavo sono condotte da un’equipe internazionale formata da italiani, tedeschi, francesi e norvegesi.

Indagato in particolare dal team italiano, già a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso, è il “martyrion”, ovvero l’edificio religioso edificato sul luogo dove fu massacrato l’apostolo. Sono stati usati anche sistemi geofisici per individuare eventuali vuoti in questa chiesa, ma senza risultati.

Però, quando le ricerche sono state spostate ad un’area limitrofa all’elevato è emerso un elemento straordinario: un’altra chiesa, costruita intorno a una sepoltura romana del I secolo. Una serie di elementi ha permesso l’identificazione di questa chiesa a tre navate con quella edificata attorno alla tomba romana in cui, tradizionalmente, si crede sia stato sepolto San Filippo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*