Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Intervista a Vincenzo Fabiani, Direttore del Gruppo Archeologico Krotoniate

Il Gruppo Archeologico Krotoniate è stato fondato nel 1973 e ha sede principale in Crotone. I suoi trenta soci si propongono di ricercare, tutelare e valorizzare i beni archeologici, culturali ed ambientali di Crotone e del suo territorio provinciale. Abbiamo intervistato per voi Vincenzo Fabiani, Direttore del Gruppo. 

D In breve, ci racconti la storia dell’Associazione.
R Il Gruppo Archeologico Krotoniate è uno dei più vecchi Gruppi aderenti all’associazione nazionale dei Gruppi Archeologici d’Italia (il più vecchio in assoluto in Calabria). E’ nato in uno dei momenti più difficili dell’archeologia krotoniate, in cui le ragioni dell’edilizia residenziale e popolare prevalevano sulla conservazione del tessuto urbanistico antico, che veniva allo scoperto nel corso degli scavi edilizi, essendosi la città moderna sovrapposta alla città antica di periodo greco ed in parte anche romano (chi fosse interessato può saperne di più, sulla storia del G.A. Krotoniate, coincidente con la storia dell’archeologia krotoniate, visitando il nostro sito web: www.gruppiarcheologici.org/gak).

D In quali settori è attualmente impegnata?
R Nella tutela e valorizzazione, unitamente ad altre associazioni, delle testimonianze, in prevalenza di periodo romano e medievale, che stanno venendo fuori da scavi per posa di tubazioni nel Centro Storico di Crotone, in appoggio agli interventi in loco da parte degli organi periferici territoriali della Soprintendenza Archeologica della Calabria.

D Quali sono i principali progetti in corso?
R Attività di sensibilizzazione nei confronti della popolazione locale.

D E quelli per il futuro?
R La diffusione di una maggiore conoscenza dei beni archeologici e culturali della nostra città e del territorio, attraverso i vari strumenti disponibili: dai libri e pubblicazioni cartacee in genere ai supporti audiovisivi.

D Il progetto già realizzato che è il vostro “fiore all’occhiello”?
R Possiamo dire che sia stato, nei primi decenni della nostra storia, con la collaborazione dei soci che ne hanno fatto parte, l’avere contribuito al salvataggio ed al recupero di testimonianze archeologiche relative a reperti mobili ed a siti, che senza i nostri interventi sarebbero andati dispersi e rimasti sconosciuti, lasciando lacune in quei momenti attualmente recuperati della “preistoria” e della “storia” di Crotone nei periodi greco, romano e medievale.

D Avete collaborazioni con enti e istituzioni italiani?
R Si, maggiormente con gli uffici territoriali della Soprintendenza archeologica.

D E con enti e istituzioni stranieri?
R Qualche collaborazione vi è stata in passato.

D Il rapporto con il mondo dell’istruzione e della formazione?
R Si, ma non in modo organico.

D Organizzate corsi e seminari?
R Si, anche in collaborazione con altri enti ed associazioni.

D Il budget annuale su cui potete contare è adeguato per i vostri scopi?
R No, e ciò pone molti limiti alla programmazione ed allo svolgimento delle nostre attività.

D Gli enti pubblici sono sensibili alle vostre attività?
R Allo stato attuale i rapporti sono diventati più difficili.

D Ricorrete a sponsor o finanziatori a progetto?
R La risposta è positiva per il passato; al presente vi sono difficoltà.

D Come gestite la divulgazione del vostro lavoro verso il grande pubblico?
R Prevalentemente attraverso Internet.

D Il vostro rapporto con la stampa?
R E’ buono con la stampa locale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*