Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Intervista al professor Giuseppe Sassatelli

Giuseppe Sassatelli insegna Etruscologia e Archeologia Italica presso il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna. Il corso è attivo dal secondo dopoguerra e, tra laurea triennale e laurea magistrale, conta ogni anno oltre 120 studenti.

D In breve, ci racconti la storia del corso.
R E’ un corso che ha una lunga tradizione Bologna. Fu addirittura insegnato da Edoardo Brizio tra il 1906 e il 1907. Poi ci furono interruzioni. Ed è ora insegnato regolarmente almeno a partite dagli anni ’70 del secolo scorso.

D Oltre all’insegnamento, quali sono i principali progetti in corso?
R Attività di scavo e di studio. Attività di collaborazione con Musei e Soprintendenze per la tutela a e la valorizzazione.

D E quelli per il futuro?
R Mi piacerebbe coinvolgere in attività di tutela e valorizzazione gli studenti.

D Il progetto già realizzato che è il vostro “fiore all’occhiello”?
R Lo scavo della città etrusca di Marzabotto con importanti scoperte recenti.

D Avete collaborazioni con altri enti e istituzioni italiani?
R Moltissimi. Con Musei e Soprintendenze ai Beni Archeologici.

D E con enti e istituzioni stranieri?
R Molti anche qui. Con le principali Università Europea che vedono nella cattedra di Etruscologia e Archeologia Italica di una Università italiana il principale punto di riferimento per ricerche in questo settore.

D Qual’è il rapporto con le Soprintendenze?
R Buono.

D Quali sono i processi di formazione sul campo per gli allievi?
R Tutti i nostri allievi possono fare una o più esperienze di scavo e di laboratorio sui materiali.

D Il budget annuale su cui potete contare è adeguato?
R Non è adeguato, anche se abbastanza buono.

D Ricorrete a sponsor o finanziatori a progetto?
R Si.

D Come gestite la divulgazione del vostro lavoro verso il grande pubblico?
R Attraverso i quotidiani e attraverso iniziative rivolte al pubblico come conferenze.

D Il vostro rapporto con la stampa?
R Buono.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*