Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Israele, Beit Guvrin – trovata un’iscrizione greca che getta nuova luce sui Maccabei

Vengono alla luce 3 frammenti di un’iscrizione in greco, reputata una porzione della Stele di Eliodoro, da uno scavo eseguito dall’Israel Antiquities Authority presso il parco nazionale di Beit Guvrin, a meridione di Gerusalemme. La suddetta Stele, risalente al 178 avanti Cristo e consistente di ventitré righe incise sul calcare, è reputata una delle più importanti tra le antiche iscrizioni scoperte in Israele. Il ritrovamento è destinato a svelare nuovi segreti sui Maccabei, ovvero la dinastia ebraica che, nel secondo secolo avanti Cristo, guidò la rivolta della Giudea nei confronti del seleucide Antioco IV Epifane. Gli avvenimenti che interessarono questa dinastia vengono narrati soprattutto all’interno della Bibbia, nel primo e nel secondo libro dei Maccabei.

beit-guvrin01

Dello studio delle iscrizioni si è occupato l’archeologo Dov Gera, il quale ha scoperto che i frammenti, in realtà, costituivano la porzione inferiore della stele reale. In base alla ricostruzione fatta dagli archeologi e dagli storici israeliani, la Stele di Eliodoro venne creata a Maresha e la sua scoperta aggiunge testimonianze archeologiche importanti e situazione storica per comprendere meglio l’epoca che portò alla ribellione dei Maccabei, evento festeggiato annualmente con la celebrazione ebraica chiamata Hannukah.

Il sito internet Israele.Net riferisce che questo ritrovamento ha avvalorato l’ipotesi che la Stele di Eliodoro, originariamente, si trovasse in uno dei templi siti dove attualmente c’è il parco Maresha-Beit Guvrin. Sono stati i partecipanti alla programma chiamato Dig for a Day(tradotto: Scava per un giorno), organizzato dall’Archeological Seminars Institute, a scoprire i tre frammenti in un complesso sotterraneo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*