Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Israele, Nazareth. Scoperta una abitazione dell’epoca di Gesù

ISRAEL ARCAHEOLOGY

I resti di una piccola casa ad uso privato, databili al periodo in cui visse Gesù, sono stati rinvenuti nei giorni scorsi a Nazareth, durante gli scavi condotti da un gruppo di archeologi israeliani. Secondo i ricercatori questa è la prima struttura abitativa di quel periodo mai individuata.

La scoperta è stata annunciata dal professor Yardenna Alexandre, direttore del progetto di ricerca archeologica nei territori da parte della Israel Antiquities Authority. L’archeologa ha dichiarato sono stati datati con un margine di errore molto ridotto e quindi la loro collocazione a circa 2000 anni or sono appare quasi certa. ”La scoperta è molto importante perchè ci permette di esaminare, per la prima volta, una casa del villaggio giudaico di Nazareth; essa permette infatti di acquisire importanti informazioni sul modo di vivere di quelle genti – ha sottolineato la Alexandre in una conferenza stampa -. ”L’edificio trovato è piccolo e modesto, ma appartiene a una tipologia assai comune nei villaggi dell’epoca”.

L’ipotesi più suggestiva avanzata dalla studiosa è che Gesù e i suoi amici di infanzia potrebbero aver conosciuto questa casa. La Alexandre ha spiegato inoltre che, stando anche alle rare fonti scritte disponibili (che includono anche i passi dei Vangeli), in quel periodo Nazareth doveva essere un minuscolo villaggio giudaico; questa ipotesi era stata in parte gia supportata dal rinvenimento si varie tombe databili all’epoca di Gesù, ma non erano mai stati trovati resti dell’abitato coevo. Ora questa nuova scoperta permette di confermare l’ipotesi. La Israeli Antiquities Authority ha in corso alcuni progetti di ricerca e scavo nell’area di Nazareth, in particolare nel settore prossimo alla Chiesa dell’Annunciazione, edificata nel 1969 sui resti di tre edifici sacri antichi, uno dei quali, in stile bizantino, risalirebbe al IV secolo d.C.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*