Italia – al Tg3 sbarca il progetto Imago Urbis

Cos’è Imago Urbis? È una banca dati che nasce da una ricerca ventennale rivolta alla catalogazione e alla raccolta dei dati archeologici che riguardano Roma e il suo territorio in un’epoca che va dalla metà del nono secolo avanti Cristo alla metà del sesto secolo dopo Cristo. L’importante lavoro di ricerca è stato gestito dalla Cattedra di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e romana della facoltà di Scienze Umanistiche che risponde all’Università La Sapienza. Digitando il link FTP://FTP.INGR.COM/OUTGOING/TGRAINEAPOLIS.ZIP si potrà prendere visione di un affascinante servizio tv, trasmesso il 13 gennaio su rai tre, nel corso del programma Tg3 Neapolis,

Cos’è Imago Urbis? È una banca dati che nasce da una ricerca ventennale rivolta alla catalogazione e alla raccolta dei dati archeologici che riguardano Roma e il suo territorio in un’epoca che va dalla metà del nono secolo avanti Cristo alla metà del sesto secolo dopo Cristo. L’importante lavoro di ricerca è stato gestito dalla Cattedra di Archeologia e Storia dell’Arte Greca e romana della facoltà di Scienze Umanistiche che risponde all’Università La Sapienza.

Digitando il link FTP://FTP.INGR.COM/OUTGOING/TGRAINEAPOLIS.ZIP si potrà prendere visione di un affascinante servizio tv, trasmesso il 13 gennaio su rai tre, nel corso del programma Tg3 Neapolis, concernente al progetto denominato Imago Urbis, cioè il “cervello archeologico” sviluppato dalla collaborazione tra Integraph e l’Università La Sapienza della città di Roma.

L’appoggio tecnico di Integraph è stato fondamentale per la creazione di un sistema GIS per la gestione dei diversi e innumerevoli dati a disposizione. In questa maniera si può comprendere precisamente quale sia stata l’evoluzione nel tempo della città e dei suoi quartieri. Fra gli obiettivi del progetto sono annoverati quelli di possedere un mezzo efficace per tutelare i Beni Culturali, per progettare opere e impianti urbani o per progettare un iter, che sia al contempo didattico ed espositivo, da destinare al pubblico nell’ambito di un percorso virtuale della Roma Antica.

Autore dell'articolo

Una risposta

  1. Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.