Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, Como – rinvenuto muro del quinto secolo sul colle di Castel Baradello

In questi giorni, è stato scoperto sulla collina dove svetta Castello Baradello un massiccio muro, eretto in pietra inframmezzata con resti di tegoloni d’epoca romana e fissata grazie a una malta tenacissima, preservatosi per due metri e mezzo in altezza e di spessore che supera il metro. Il muro si sviluppa per trecento metri di lunghezza, lungo i quali includeva perlomeno un torrione, incominciando in prossimità di uno strapiombo e proseguendo in direzione Nord, Ovest, Sud, Est per congiungersi, infine, con la cerchia muraria che protegge lo spiazzo del casino di caccia, vicino alla trattoria e al di sotto della torre. 

Il muro appartiene alle fortificazioni originarie del Castello, scoperte durante la campagna di scavi condotta l’anno passato, erette in un periodo compreso tra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo, ma la tecnica del radiocarbonio permetterà una datazione assoluta dell’epoca in cui questi muri vennero costruiti.

Allo scopo di rendere più intense le ricerche in situ, accordate dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, i musei Civici di Como, con la collaborazione della Soprintendenza Archeologica della Lombardia e dell’Associazione Ricerche e Fortificazioni Medievali, hanno organizzato un’esplorazione sistematica della collina sulla quale si erge il Castello Baradello.

Lanfredo Castelletti, responsabile dello scavo, dice che portare a nuove scoperte è uno dei principali obiettivi di questa indagine archeologica che vuole estendere la zona degli scavi archeologici e potenziare nel migliore dei modi questo luogo incantevole, che offre non solo evocazioni storiche ma anche una veduta mozzafiato dall’alto del torrione da poco ristrutturato.

Castelletti prosegue spiegando che queste attività porteranno, in un prossimo futuro, alla realizzazione di un complesso itinerario di visita nelle zone che circondano il Castello così da completare la visita alla torre-museo e ai reperti archeologici adiacenti, in base ai progetti attuati dal Parco Regionale Spina Verde e dall’amministrazione comunale.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*