Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia. Elementi misteriosi nei “Tre Filosofi” del Giorgione

nti misteriosi nei "Tre Filosofi" del Giorgione

Suscita curiosità e fascino il quadro “I tre filosofi” di Giorgione (1477 – 1510), composto nel 1508 e conservato oggi al Kunstistorisches Museum di Vienna, per via di una serie di simboli ed elementi misteriosi che vi sono contenuti.

Dopo decine di interpretazioni che spaziano dai tre stati del pensiero o delle tre età dell’uomo, del tutto rivoluzionaria è la spiegazione avanzata da Augusto Gentili, professore di Storia dell’Arte presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Secondo lo studioso le tre figure rappresenterebbero tre astrologi di età, nazionalità e religione diverse. Tutto questo è stato desunto dalla presenza del compasso, gli strumenti in mano al giovane e il foglio del personaggio anziano nel quale compare: il numero 1504, il simbolo di Giove, un diagramma di calcoli astrologici e un’eclissi lunare.

La data ha riscontro nella realtà storica poiché in quell’anno si ebbe la congiunzione dei setti pianeti in contemporanea ad un’eclissi lunare.

La chiave numerica ed astrologica porta insomma Gentili a considerare il quadro la rappresentazione della decadenza umana in cui la decadenza estrema è raffigurata nel giovane seduto di spalle: l’Anticristo. Inoltre, lo stesso committente dell’opera, Taddeo Contarini, era un nobile veneziano dal particolare interesse per l’alchimia e l’occulto.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*