Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia. Essere universitari nel Medioevo

universitari nel Medioevo

Descritti sempre come secoli bui, quelli del periodo storico che va sotto il nome di “Medioevo” furono invece caratterizzati da un forte fervore culturale, testimoniato soprattutto dal nascere di numerose Università, che sorsero in tutta Europa.

In Italia degne di nota, dopo la Scuola Medica di Salerno, è quella di Bologna, l’Alma Mater Studiorum, fondata nel 1088. A parimenti, Oxford e Cambridge in Inghilterra, Parigi e Tolosa in Francia, Salamanca e Coimbra in Spagna.

Partendo da questo presupposto, si deve ricordare che i giovani iniziavano a frequentare il mondo accademico a 14 – 15 anni mentre prima erano preparati da un maestro di teologia o un istitutore privato.

Gli studenti erano solo uomini e seguivano le materie articolate in trivium: grammatica, retorica e logica e quadrivium, aritmetica, geometria, astronomia e musica. Le lezioni si teneva completamente in lingua latina a casa del professore che era pagato direttamente dai propri allievi.

I testi solitamente costavano molto e durante gli insegnamenti era vietato prendere appunti per favorire l’esercizio di memoria degli studenti, anche se esistevano delle eccezioni!

La vita studentesca poteva durare dai dieci ai vent’anni in base agli studi intrapresi e lo stile di vita che molte volte permetteva di vivere in maniera molto permissiva, contraddistinta da scommesse, libertinaggio, svaghi e ubriacature.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*