Italia, Gela. Scoperto un sarcofago magnogreco

Nel corso degli scavi per un’impianto civile di distribuzione idrica è venuto alla luce un sarcofago di epoca ellenistica, risalente al VI secolo a.C.  La zona era stata identificata come area di presenza di una necropoli sin dal 1905 e non erano stati rai in passato i rinvenimenti. All’interno della tomba vi erano delle ossa umane ridotte in frammenti e tutto quel che restava del corredo funerario, ossia due balsamari per oli profumati. All’esterno è stata trovata anche una fuseruola (elemento del fuso per la a lana) il che autorizza a ipotizzare che si tratti della sepoltura di una donna di modeste condizioni sociali.

Nel corso degli scavi per un’impianto civile di distribuzione idrica è venuto alla luce un sarcofago di epoca ellenistica, risalente al VI secolo a.C.  La zona era stata identificata come area di presenza di una necropoli sin dal 1905 e non erano stati rai in passato i rinvenimenti. All’interno della tomba vi erano delle ossa umane ridotte in frammenti e tutto quel che restava del corredo funerario, ossia due balsamari per oli profumati. All’esterno è stata trovata anche una fuseruola (elemento del fuso per la a lana) il che autorizza a ipotizzare che si tratti della sepoltura di una donna di modeste condizioni sociali.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.