Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia. Il dittico dei Montefeltro cela simbologie storiche e religiose

I ritratti del duca di Federico da Montefeltro e di sua moglie Battista Sforza – realizzati da Piero della Francesca verso la metà del 1400 – nasconderebbero, sul retro, la rappresentazione del trionfo di entrambi i personaggi.

Il pittore ha voluto celebrare entrambi attraverso la famosa parata romana del trionfo nella quale al vincitore venivano riconosciuti gli onori della vittoria. Ed è in questo modo che Federico da Montefeltro viene immortalato, come un condottiero fiero, saggio e coraggioso sul cui carro sono presenti le quattro virtù cardinali: la Giustizia (con la spada e la bilancia), la Prudenza (con lo specchio), la Fortezza (che regge una colonna spezzata), e la Temperanza.

Anche la consorte Battista Sforza è rappresentata in maniera speculare al marito nella propaganda a favore del Duca come si nota nell’iscrizione che cita “Colei che mantenne la moderazione nelle circostanze favorevoli vola su tutte le bocche degli uomini adorna della lode per le gesta del grande marito”.

La scoperta di questa doppia raffigurazione è dovuta al fatto che in origine le due tavole fossero incerniate tra loro come un libro e non appese come lo sono ora. La datazione dei dipinti va forse posta intorno al 1472 anno in cui morì la moglie di Federico da Montefeltro e le volle rendere omaggio con questa opera.

trionfo di Federico da Montefeltro

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*