Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, Marigliano – il parco archeologico si può realizzare

Il convegno che si è da poco svolto nel palazzo della città di Marigliano, durante il quale si è parlato della valorizzazione culturale del comune, ha dato esito positivo: è possibile la realizzazione di un parco archeologico. Questa idea ha preso vita un anno e mezzo fa, quando nell’area del Sentino, nel corso degli scavi per realizzare delle condotte fognarie, sono state scoperte una necropoli, contenente 7 tombe, e una villa d’età romana.

Da questo ritrovamento è grazie alla perseveranza dell’associazionismo del luogo, è sorto ed è maturato un movimento con lo scopo di preservare e valorizzare questi resti archeologici. L’On. Gianfranco Nappi ha sottolineato il fatto che la zona nolana è stata inserita fra i luoghi di interesse storico e artistico interessati dalle prossime sovvenzioni europee; mentre, Domenico Moccia, l’assessore all’Urbanistica del napoletano, ha tranquillizzato gli animi assicurando che i lavori per l’industrializzazione che interesseranno l’area, in precedenza inserita in uno particolare Pip, verranno attenuati. Ciò vuol dire che i progetti pregressi verranno rivisitati.

Anche Felice Esposito Corcione, sindaco del comune, ha rimarcato il bisogno di attuare alcuni progetti per recuperare i beni artistici e storici della sua città. All’interno di questo progetto vanno inseriti i provvedimenti futuri, come chiudere il centro storico e realizzare un piano colore. Quest’ultimo progetto è stato anche sottolineato da Sebastiano Sorrentino, Onorevole regionale.

Quindi, considerando le riflessioni avvenute in seno al convegno, le probabilità dell’effettiva attuazione di un parco archeologico, pare essere davvero concreta. È possibile che ci troviamo dinnanzi a un cambio di orientamento: dopo anni di progetti astratti, oggi, la valorizzazione e il recupero del passato, sembrerebbe rappresentare l’unica ancora di salvezza per il futuro della zona.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*