Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, Montalcino – inaugura il nuovo museo archeologico

Un nuovo gioiello accresce il patrimonio della Fondazione dei Musei Senesi che unisce i trentaquattro musei della Provincia di Siena, unico e funzionante esempio di rete di musei organizzati e sparsi nel territorio, in ambito italiano: Montalcino ampia il proprio orizzonte culturale grazie all’inaugurazione della sezione Archeologica presso l’area museale senese, ospitata dal convento in disuso di Sant’Agostino, chiamata Musei di Montalcino, raccolta Archeologica, Medievale, Moderna.

Inoltre, ha aperto il Parco Archeologico della Civitella che testimonia la presenza di un villaggio etrusco datato al sesto secolo avanti Cristo. L’esposizione permette la contemplazione di meravigliosi reperti che risalgono a un periodo che va dal sesto secolo al terzo secolo avanti Cristo, collocabili a una fase di indagine archeologica incominciata negli anni ’50 del XX secolo e comprendente scavi, ritrovamenti fortuiti, risanamenti, salvaguardia delle testimonianze, studiosi veri propri e semplici appassionati che si sono gettati in questa ricerca.

Dunque, per la prima volta sono stati riuniti reperti archeologici esito delle nuove attività di scavo nella zona di Civitella e tutti i pezzi che erano esposti all’interno del vecchio Museo Archeologico, oltre a quelli mai esposti per mancanza di spazio. Oggetti d’utilizzo quotidiano quali anfore, piccole urne cinerarie, vasi e corredi funebri, ma particolarmente un’affascinante stele etrusca di pietra nera del sesto secolo avanti Cristo.

L’inaugurazione dei locali dedicati all’archeologia è la felice conclusione di un progetto perseguito da diversi anni che raccoglie in un’unica struttura un iter museale che narra la storia di Montalcino e del territorio circostante, partendo dalla preistoria fino ad arrivare alle collezioni diocesane e cittadine del XX secolo.

Dall’area museale il viaggio nel tempo prosegue con il Parco Archeologico della Civitella, sito a 2 kilometri da Montalcino. È una collina, vicino al passo del Lume Spento, la quale, efficacemente terrazzata accoglieva un “insediamento etrusco d’altura”. Questa posizione rialzata consentiva di controllare la vasta zona circostante e rappresentava una significativa equidistanza tra Roselle e Chiusi.

Ad un primo periodo abitativo, testimoniato dal villaggio etrusco antico, seguì la realizzazione di una possente cerchia muraria, che evidenzia nuovamente la rilevanza strategia del luogo. La costruzione risale ai secoli IV-III avanti Cristo ed è una fortezza imponente poiché il muro è alto più di due metri e possiede uno spessore di quattro e mezzo. Due differenti cerchie difensive cingono la precedente, costituendo due orbite di forma ellittica, delle quali l’esterna arriva fino ai piedi del colle e sino alla strada che collega l’Etruria interna con la Maremma.

Il progetto è stato completamente organizzato e finanziato dalla collaborazione di diversi enti: la Fondazione Musei Senesi, la Fondazione Monte dei Paschi, il Comune di Montalcino, la Provincia di Siena, il Parco Artistico Naturale e Culturale della Val d’Orcia, la Soprintendenza Archeologica della Toscane e la Regione Toscana. L’area museale Musei di Montalcino, raccolta Archeologica, Medievale, Moderna si trova in Via Riscoli 31 e il suo orario d’apertura va dalle 10 fino alle 13 e dalle 14 fino alle 18 (escluso il lunedì).

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*