Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, Pescara – presentata l’importante scoperta del matematico Nicolino De Pasquale sugli Egizi

Chi non ricorda di aver passato interi pomeriggi sui libri a capire come calcolare seno e coseno? Ebbene, gli Antichi Egizi avrebbero potuto calcolarli in pochi secondi grazie all’utilizzo di una fune. Ricalcando il sistema logico-matematico di questa antica civiltà, Nicolino De Pasquale, ingegnere di Gamberale ha realizzato il Regolo di Imenmes.

Ritratto di Imenes
Ritratto di Imenes

Il 3 aprile 2009, gli esiti dell’appassionante ricerca condotta da Nicolino De Pasquale sono stati presentati alle 17.30, in anteprima mondiale, presso la sala del consiglio del Comune di Pescara. Alla presentazione ha presenziato anche Massimiliana Pozzi (egittologa) che ha relazionato sul tema con il professore De Pasquale. Inoltre, vi hanno preso parte anche Domenico Di Carlo, Dirigente Scolastico dell’Istituto Tecnico Industriale Liceo Scientifico Tecnologico Alessandro Volta (istituto presso il quale De Pasquale ha svolto la ricerca), il Presidente della Fondazione Michetti, professore Vincenzo Centorame e l’Addetto Culturale dell’Ambasciata d’Egitto in Roma, Taha Mattr.

Il Regolo di Imenmes è costituito da un cerchio graduato, sopra al quale si trovano incise 4 circonferenze, e da un righello, sempre graduato, che va sovrapposto al cerchio. Sistemando il righello su qualunque angolo, sulle 4 circonferenze risulterà il valore corrispondente alle funzioni seno e coseno.

La scatole dei giochi di Imenes esposta al Louvre
La scatole dei giochi di Imenes esposta al Louvre

Inoltre, anche altre funzioni della trigonometria più complesse possono essere rappresentate su questo sistema, consentendo, così, la descrizione della crescita dei fiori, con qualunque numero di petali. Il matematico pescarese ha spiegato che la ricostruzione delle elevate conoscenze trigonometriche e matematiche degli Egizi è stata possibile analizzando i giochi di Imenmes che sono conservati all’interno del parigino Museo del Louvre; particolarmente, sopra al magnifico disco di pietra turchese si trova l’incisione scacchiera di un sistema di rappresentazione polare-esponenziale molto potente, ricavato dalla struttura di alcuni frutti, che semplifica in maniera incredibile la rappresentazione delle funzioni. Esse si caricano di significati molto profondi e riescono a descrivere lo sviluppo di tutti i vegetali, in base alle proprie fillotassi.

De Pasquale spiega anche che le funzioni seno e coseno, in questo sistema, sono rappresentate da quattro circonferenze, la cui maestosità non è stata intuita da nessuno. Quindi, tutti i problemi di trigonometria si possono risolvere grazie a un semplice gioco di corde, celebrando la bravura dei tenditori di fune narrataci da Erodoto.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*