Italia, Pompei – Gli Scavi registrano 25 mila visitatori a Ferragosto

Il week end di Ferragosto ha fatto registrare presso gli Scavi di Pompei un altissimo numero di visitatori: circa 25 mila persone hanno beneficiato dell’attivazione di nuovi servizi per fronteggiare la calura estiva e gli imprevisti che possono verificarsi durante i giorni più caldi dell’anno.  Infatti, grazie alla struttura Commissariale, il personale di un’autoambulanza della Croce Rossa attende i bisognosi all’entrata di Porta Marina e provvede a effettuare piccoli interventi di pronto soccorso sul posto o a trasportare immediatamente gli infortunati più gravi all’ospedale più vicino. Per esempio, bisogna ringraziare questo nuovo servizio se il bambino olandese di 5 anni,

Il week end di Ferragosto ha fatto registrare presso gli Scavi di Pompei un altissimo numero di visitatori: circa 25 mila persone hanno beneficiato dell’attivazione di nuovi servizi per fronteggiare la calura estiva e gli imprevisti che possono verificarsi durante i giorni più caldi dell’anno. 

Infatti, grazie alla struttura Commissariale, il personale di un’autoambulanza della Croce Rossa attende i bisognosi all’entrata di Porta Marina e provvede a effettuare piccoli interventi di pronto soccorso sul posto o a trasportare immediatamente gli infortunati più gravi all’ospedale più vicino. Per esempio, bisogna ringraziare questo nuovo servizio se il bambino olandese di 5 anni, caduto durante la visita del sito archeologico, è stato soccorso rapidamente e trasportato all’ospedale di Scafati per gli accertamenti.

Inoltre, all’entrata della biglietteria sita a porta Marina sono stati collocati da una settimana alcuni tendoni bianchi per proteggere dal sole i turisti in fila per acquistare il biglietto d’ingresso agli Scavi.

Infine, il personale volontario della Croce Rossa distribuisce ai turisti, per tutto il mese di agosto, bottigliette di acqua minerale gratuite.

I visitatori sono assistiti dalle 8.30 (ora in cui aprono gli Scavi) fino alle 19.30 (l’ultimo ingresso è alle 18).

Autore dell'articolo
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.