Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, Roma – iniziative in occasione dell’XI Settimana della Cultura

In occasione dell’XI Settimana della Cultura, che si terrà dal 18 al 26 aprile, la Soprintendenza al Museo Nazionale Preistorico Etnografico Luigi Pigorini ha in programma diverse iniziative culturali.

La mostra "i colori della magia"
La mostra "i colori della magia"

Sabato 18 aprile alle 11 verrà inaugurata la mostra intitolata I colori della magia di Gian Gaspare Napolitano (scrittore e sceneggiatore considerato un personaggio di rilievo nell’ambito del cinema giornalistico e documentario italiano) che prende le mosse dal suo soggiorno in Messico datato 1933. La mostra ricerca, fra le molteplici esperienze giornalistiche di Napolitano, soprattutto, quella che per un museo risulta essere la più rilevante: ovvero, quella rivolta al Messico Indio che consiste nella descrizione di una missione etnografica, alla quale il reporter prese parte, fra il popolo indio dei Seris, che all’epoca si stavano estinguendo. Le sue note inerenti alla missione costituiscono la fonte utilizzata per l’allestimento di alcuni articoli usciti nel 1934 sul quotidiano italiano “La Gazzetta del Popolo” e per l’approntamento di un capitolo contenuto nel libro intitolato Magia Rossa, edito nel 1968, dopo la morte dell’autore, che racconta, in forma di diario, l’esperienze fatte da Napolitano nel corso della sua presenza in Messico. Il resoconto, che risulta costantemente affascinante nello stile dell’esposizione, è un documento antropologico singolarmente interessante anche per quanto riguarda la storia stessa della materia. La mostra si potrà visitare sino al 18 maggio.

Domenica 19 aprile alle 10 presso il Museo si potrà incontrare Vincenzo Tiné. Saranno presentate le novità provenienti dagli scavi e dai magazzini della Soprintendenza. Inoltre, si potranno visitare i nuovi allestimenti – in via di ultimazione – dei settori riguardanti il Neolitico e l’Eneolitico della sezione di Paletnologia, dove sono messi in mostra nuovi reperti che provengono dagli ultimi scavi realizzati dalla Soprintendenza presso i siti archeologici di San Pietrino e La Marmotta (Roma), Grotta della Madonna di Praia a Mare e Favella (Caserta) e Gricignano di Aversa (Caserta), con una nuova scelta di materiali provenienti dalle collezioni storiche. A partire da lunedì 20 aprile sino a venerdì 24 alle 11 (il ritrovo è la biglietteria) gli addetti del Museo accompagneranno gli utenti alla scoperta di queste fondamentali aree archeologiche.

Domenica 19 aprile, alle 11, si terrà anche il primo incontro dell’iniziativa Domeniche al Pigorini, dove saranno proposte alcune lezioni dedicate agli appassionati di archeologia preistorica di cui si occuperanno professori operanti presso l’Università romana Sapienza o esperti di archeologia del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali. La prima lezione s’intitolerà Vita quotidiana nel Paleolitico e vedrà gli interventi delle professoresse dell’Università Sapienza Cristina Lemorini e Daniela Zampetti.

Sabato 25 aprile alle 10.30 verrà presentato e proiettato il film-documentario Magia Verde di Gian Gaspare Napolitano. A curare l’introduzione sarà Mario Mineo. Napolitano, dapprima, si occupò di cinema come critico cinematografico, scrivendo per “La Nuova Antologia” e, in seguito, nel 1935, vi debuttò in maniera più diretta, in qualità di soggettista e sceneggiatore. Nel medesimo anno esordì nella regia presentando il film-documentario intitolato Magia Verde che narra la storia di un viaggio che egli stesso compì da costa a costa, attraversando il Sudamerica.

Domenica 26 aprile alle 10.30 l’africanista Egidio Cossa presenterà al pubblico la vetrina del mese, intitolata Gioie d’Africa e dedicata ai nuovi gioielli provenienti dall’Africa. Per gli Akan ostentare gioielli d’oro o antiche perle realizzate in pasta vitrea, solitamente di provenienza boema o veneziana, vuol dire rimarcare la posizione sociale. L’oro, particolarmente, è intrinsecamente connesso alla manifestazione del potere politico, e il suo sfoggio da parte del sovrano e del suo seguito mostra apertamente la ricchezza e la floridezza del regno. Ai giorni nostri, molti dei gioielli tradizionali sono stati rimpiazzati con altri, realizzati in argento dorato, che ricalcano gli oggetti cult e i simboli di status sociale d’origine occidentale: oggi i sovrani esibiscono bracciali d’oro o di bronzo dorato prodotti riproducendo i modelli di orologi realizzati dalle marche più celebri (Rolex, Cartier, Swatch) per dimostrare la trasformazione del loro prestigio in strutture sovranazionali.

Domenica 26 aprile, alle 11.30, si terrà anche la seconda lezione di preistoria delle Domeniche al Pigorini, intitolata Il Neolitico italiano attraverso le nuove ricerche, dove il Soprintendente al Museo Nazionale Preistorico Etnograifoc L. Pigorni, Vincenzo Tiné tratterà del modo di vivere e dell’economia dei popoli neolitici italiani, prendendo le mosse dai risultati delle nuove ricerche.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*