Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, Roma – Sul Palatino ritrovata la “sala da pranzo di Nerone”

palatino026

Sino ad oggi, gli esperti pensavano che la famosa sala da pranzo di Nerone, che girava notte e giorno simulando il movimento della Terra, coincidesse con la sala ottogonale sita sul Colle Oppio, ma nel corso di alcuni lavori di consolidamento della zona della Vigna Barberini, sul Palatino, è emersa la vera coenatio rotunda.

La dottoressa Mariantonietta Tomei, direttrice del Palatino, ha spiegato che la scoperta è dovuta al caso e che la famosa sala è stata rinvenuta dagli uomini della Soprintendenza durante i lavori per svolgere sondaggi idrogeologici. Ciò che è venuto alla luce consiste in una poderosa struttura sconosciuta che fa pensare a una sala rotante identificabile con la coenatio rotunda di Nerone.

Gli scavi, partiti nel mese di giugno, proseguiranno fino al totale svuotamento dell’area per comprendere in quale maniera funzionasse questa sala rotante. Per ora sono stati ritrovati due piloni e degli incassi colmi di una sostanza che consentiva la rotazione di una struttura che, come narra Svetonio, ruotava lentamente ed era abbellita da cascate di fiori

La struttura, che potrebbe avere una lunghezza di sessanta metri, è databile a dopo il famoso incendio del 64 dopo Cristo e a prima della diffamazione (damnatio memoriae) di Nerone iniziata dai Flavi e si stagliava a picco sulla valle del Colosseo, all’epoca riempita da un lago artificiale, offrendo una panoramica a trecentosessanta gradi che spaziava dal Celio al colle della Velia e dal Campidoglio all’Aventino.

Per proseguire i lavori di scavo è stato erogato da Roberto Cecchi, commissario all’area archeologica di Roma, un finanziamento di 200000 euro.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*