Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Italia, San Giovanni d’Asso – Trovate sepoltura nella chiesa paleocristiana di San Pietro in Pava

Dal 2004 la Chiesa paleocristiana di San Pietro in Pava, sita a San Giovanni d’Asso e risalente a un periodo compreso fra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo, è oggetto di scavo e di studio e al suo interno è stata appena scoperta una tomba dagli esperti del Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi e Telerilevamento attivo presso l’Università di Siena. In base alle prime ricostruzioni le ossa che giacciono nella sepoltura, trovate in ottime condizioni, apparterrebbero a un martire o a un santo. Il ritrovamento è stato effettuato a pochi giorni dal termine della campagna di scavi 2009, partita a maggio e conclusasi venerdì 14 agosto. 

La sepoltura era collocata in posizione centrale, di fronte all’altare, elemento che fa supporre che i resti appartengano a un santo o a un martire vissuto prima dell’ottavo secolo dopo Cristo. Le ossa erano contenute in un cassone che misura più di settanta centimetri di profondità e un metro e sessanta di lunghezza e si presentavano come se fossero state avvolte in un drappo o disposte all’interno di una scatola benché non si abbiano ancora prove dell’esistenza di questi oggetti.

Il Dipartimento di Fisica operante presso la Seconda Università di Napoli analizzerà, all’inizio di settembre, un campione al Carbonio 14 per stabilire l’epoca esatta del decesso; invece, il resto delle ossa verrà portato alla Divisione di Paleopatologia (Università di Pisa) per essere datato e studiato.

Per ora, nel sito di Pava è stata riesumata una Chiesa paleocristiana attorniata da un’area cimiteriale presso la quale sono state portate alla luce 820 tombe anche se si pensa che con ulteriori scavi (i prossimi sono programmati per maggio 2010) se ne potranno ritrovare circa 2000. Al di sotto della Chiesa, i ricercatori hanno individuato i resti di ciò che sembra corrispondere a un villaggio di età romana.

La Fondazione Pava si propone ora di sviluppare la ricerca nel territorio di San Giovanni d’Asso che in passato fu patria del popolo etrusco e rilevante centro medievale e di costruire un parco multiculturale grande più di due ettari dove tutti gli interessati avranno la possibilità di conoscere e visitare i luoghi degli scavi per mezzo di un percorso storico-turistico che si snoderà nelle principali aree di ritrovamento.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*