Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

La miglior dieta contro il colesterolo

La miglior dieta contro il colesterolo alto

La miglior dieta contro il colesterolo altoMiglior dieta per il colesterolo, panoramica

Che sia colpa dei troppi festeggiamenti a Natale, delle grigliate estive a base di carne o molto più banalmente di anni di eccessi appena sopraliminali, il punto rimane sempre quello: il curante vi ha intimato di darci una regolata perchè le analisi erano un po’ sballate. La vostra redazione preferita dunque coglie la palla al balzo per parlarvi della miglior dieta per il colesterolo, in modo che possiate mettervi a stecchetto si, ma con gusto. Quello che molti sbagliano è che in una dieta per il colesterolo non bisogna limitarsi a far meramente diminuire il valore di quest’ultimo ma che è necessario anche aumentare la percentuale di quello “buono”, cioè quello conosciuto come HDL: solo così avremo la garanzia di poter migliorare davvero il nostro stato di salute. Prima cosa da fare: eliminare, del tutto, il fumo. L’attività fisica poi – che si intenda sport vero e proprio oppure anche solo quella nella vita di tuti i giorni – può aumentare da sola la frazione di HDL prima ancora che si intervenga sull’alimentazione. Vedremo poi insieme come anche su questa in realtà basterà agire in modo mirato, senza che ci sia bisogno di fare grossissime rinunce: la miglior dieta per il colesterolo infatti è tutto meno che un regime nutritivo punitivo ed insapore.

Inserire i cibi giusti

Ad esempio, scommettiamo che non sapete che in una dieta per il colesterolo bisogna tenere conto del fatto che quello introdotto con gli alimenti influisce si, ma non per più del 30% della colesterolemia totale! Dunque avrete già intuito da soli di come si tratti di un fattore qualitativo più che quantitativo. Più che limitarsi dunque – è chiaro che mangiare sette uova al giorno sia sconsigliato – è necessario inserire nel proprio schema alimentare cinque importanti gruppi di nutrienti: quelli ricchissimi di fibre, gli omega 3, gli omega 6, gli omega 9, gli acidi grassi polininsaturi ed infine cibi arricchiti con steroli e stanoli vegetali. Se per le fibre sapete già più o meno tutti che è necessario spingere molto su frutta e verdura, gli altri elementi potranno essere assunti dall’organismo prevalentemente da pesce azzurro o comunque proveniente dai mari freddi, frutta secca, olii particolari come quello di lino o di soia ed ovviamente il principe della nostra dieta mediterranea: l’olio d’oliva. Un discorso a parte meritano i cibi arricchiti con stanoli o steroli: possono dare una mano in una dieta per il colesterolo ma non debbono assolutamente essere l’unico presidio utilizzato, anche perchè funzionano ancora meglio se si unisce della fibra, magari sotto forma di crusca d’avena o similari. Se prenderete questi piccoli accorgimenti vedrete in qualche mese dei risultati tangibili che vi impediranno di dover ricorrere a farmaci dotati spesso di effetti collaterali anche importanti.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*