Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Lamezia Terme. Presentato il sarcofago scoperto a San Sidero

È stata presentata ufficialmente la tomba databile al terzo secolo avanti Cristo e scoperta l’estate scorsa a Lamezia Terme, in località San Sidero, che ora è esposta presso il Museo Archeologico lametino. Alla presentazione del sarcofago erano presenti il sindaco Gianni Speranza, Roberto Spadea e Simonetta Bonomi della Soprintendenza regionale ai beni archeologici e Giovanna De Sensi Sestito, delegata del comune ai Beni Culturali.

I lavori di scavo, coordinati dalla Soprintendenza regionale per i Beni archeologici, hanno restituito una tomba ricollegabile a una delle necropoli di Terina, identificata con le vestigia della non distante contrada lardini di Renda a Sant’Eufemia Vetere. La direzione e il coordinamento degli scavi e dell’allestimento sono stati affidati a Roberto Spadea, in collaborazione con Giovanna Verbicaro, Carlo Scuderi e Lucia Bianchi. I primi restauri e i montaggi sono stati affidati all’Associazione archeologica guidata da Enza Purri Siviglia che si è avvalsa della collaborazione di Valeria Failla e Paola Caruso.

Il ritrovamento ha arricchito il panorama dei siti funerari attorno alla città antica, della quale erano conosciuti altri resti tombali, come quelli individuati dall’archeologo Paolo Orsi nelle limitrofe contrade Paracocchio, Gelsito e Palazzi, la cui esistenza è stata verificata dall’Associazione archeologica. Il piccolo nucleo di sepolture ha constatato la coesistenza di diversi rituali in uno spazio limitato di tempo, in cui vicino alla presenza di popolazione greca si affiancano i Brettii, popolo osco-italico che dalla metà del quarto secolo avanti Cristo occupa Terina.

La qualità dei sepolcri venuti alla luce, soprattutto quelli in lastre di pietra e rivestimento a doppio spiovente, contraddistinte da lettere greche, che è stata ricostruita nel Museo archeologico, testimoniano un momento fiorente della città nel corso del terzo secolo avanti Cristo.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*