Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Lilibeo (Marsala). Eccezionali risultati dagli scavi in corso

Dalla campagna di scavo nel sito del parco archeologico di Capo Boeo, diretta da Rossella Giglio e finanziata dal Comune di Marsala, emergono eccezionali testimonianze: una struttura termale perfettamente conservata inglobata nelle massicce fortificazioni alte più di due metri e una porta monumentale di entrata alla città dal porto, oltre a un nuovo tratto di selciato del decumano massimo.

Gli interventi di scavo presso il parco archeologico di Capo Boeo sono stati mirati ad aree fondamentali della topografia della città antica, che riguardano l’abitato, le strade che limitavano gli isolati e le fortificazioni costiere. Le indagini sono state dirette alla verifica scientifica del grande sito archeologico di Capo Boeo. Il progetto ha permesso di scavare diverse zone, scelte tra quelle di maggiore spicco e interesse all’interno del parco archeologico, favorendo l’esplorazione di nuove aree e l’approfondimento, tramite ulteriori ricerche, di zone già conosciute per l’acquisizione di maggiori dati sulle vicende storiche che hanno riguardato le varie fasi insediative di Marsala dall’epoca punica all’età medievale.

La scoperta del decumano massimo e delle tombe bizantine con iscrizioni in greco e la scoperta nel 2005 della Venere Lilibetana e poi nel 2008 della statua di Iside, hanno confermato l’enorme importanza archeologica di Lilibeo e continuare la ricerca alla quale hanno lavorato illustri archeologi dalla fine del XIX secolo è una grande responsabilità scientifica.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*