Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Livorno. Scoperta necropoli protostorica a Parrana San Martino

Livorno. Scoperta necropoli protostorica a Parrana San Martino

Una necropoli ad incinerazione, probabilmente pertinente il momento di transizione fra l’Età del Bronzo e l’Età del Ferro (circa tremila anni fa), è stata scoperta nelle campagne livornesi, in zona Parrana San Martino. La scoperta fortuita è avvenuta per merito di Franco Sammartino, studioso appassionato al territorio livornese appartenente al Gruppo Archeologico e Paleontologico Livornese.

Sotto la direzione della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, nella persona di Silvia Ducci, è stata effettuata la prima campagna di scavo. Ad essa hanno partecipato l’archeologa Giuditta Grandinetti ed il personale del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo di Livorno (dott. Barbara Raimondi, dott. Edoardo Borzatti de Löwenstern, dott. Raffaella Grassi ed i volontari del Gruppo Archeologico Paleontologico Livornese).

Dagli scavi è emerso che la necropoli ad incinerazione, verosimilmente, è attribuibile alla civiltà protovillanoviana. Il sito che ricopre un’area di circa 400 m2 ospita novantasette sepolture di cui solo dieci sono già state indagate. Le urne cinerarie sono composte da contenitori ceramici di forma biconica provvisti di un’ansa laterale e di un coperchio formato da una ciotola, sempre in ceramica, capovolta. All’interno delle urne, oltre alle ceneri dei defunti, sono stati ritrovati piccoli oggetti bronzei (anelli, fibule e monili) che componevano il corredo funerario. Ogni urna una volta chiusa veniva collocata in buche scavate nel terreno e poi ricoperta.

Il quesito che si pongono adesso gli studiosi è: dov’è il villaggio pertinente alla necropoli? Non troppo distante da essa dovrebbe infatti trovarsi un centro abitato, di cui però, per adesso, non sembra esser stata trovata alcuna traccia.

Certa è l’importanza del ritrovamento e la completezza del sito, caratteristica fondamentale per permettere uno studio sistematico dei reperti e della stratigrafia e ricavare elementi basilari su cui iniziare a ricostruire la realtà del periodo nel livornese ed in tutta la Toscana centro-settentrionale.

Per maggiori informazioni:

http://www.provincia.livorno.it/attivita/museo/Associa/archeo/arc.htm

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*