Marzabotto (Bo). Venerdì di musica e cultura nella città etrusca

Per quattro venerdì, il 23 d il 30 luglio e il 6 e il 13 agosto 2010, l’area archeologica della città etrusca a Marzabotto (Bo) ospiterà “Infrasuoni. Rassegna di nuovi orizzonti sonori”, un aperitivo al tramonto accompagnato dalla lettura di autori antichi e musica dal mondo. L’iniziativa è promossa dal Comune di Marzabotto, dal Comune di Vergato, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna e dalla Provincia di Bologna. Venerdì 23 luglio 2010, alle ore 19.30, Francesco Benozzo e Micaela Casalboni daranno vita alla favola più famosa della letteratura latina: “La favola di Amore e Psiche” di Apuleio, un

Per quattro venerdì, il 23 d il 30 luglio e il 6 e il 13 agosto 2010, l’area archeologica della città etrusca a Marzabotto (Bo) ospiterà “Infrasuoni. Rassegna di nuovi orizzonti sonori”, un aperitivo al tramonto accompagnato dalla lettura di autori antichi e musica dal mondo. L’iniziativa è promossa dal Comune di Marzabotto, dal Comune di Vergato, dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna e dalla Provincia di Bologna.

Venerdì 23 luglio 2010, alle ore 19.30, Francesco Benozzo e Micaela Casalboni daranno vita alla favola più famosa della letteratura latina: “La favola di Amore e Psiche” di Apuleio, un racconto che presenta tutte le caratteristiche delle favole che si raccontano ai bambini (la fanciulla bellissima e il principe, le sorelle cattive, la regina invidiosa, le peripezie), ma racconta anche con grande profondità l’arduo cammino della conoscenza di sé. La storia è contenuta nel romanzo “L’asino d’oro”, il capolavoro “fantasy” dell’antichità, intessuto di avventure, magia e metamorfosi, opera dell’autore africano, Apuleio.

Venerdì 30 luglio 2010, alle ore 19.30, Elias Nardi e Gabriele Marchesini narreranno la fine di un impero attraverso la trasposizione di “Tradire l’ultimo imperatore persiano” di Curzio Rufo Plutarco. Alessandro muove contro l’imponente esercito persiano, sconfiggendolo in pochi anni e costringendo l’imperatore Dario a fuggire verso le montagne del Caucaso mentre, con l’aiuto di un gruppo di donne ubriache, dà fuoco a Persepoli, capitale persiana. Con questo racconto, l’autore latino Curzio Rufo racconta nelle “Storie di Alessandro Magno” come può sgretolarsi un grande impero.

Venerdì 6 agosto 2010, alle 19.30, Daniele Donadelli e Micaela Casalboni danno voce a due autori latini, Petronio e Apuleio, che ironizzano con piacevolissime novelle e molto umorismo sulla cattiveria delle donne, narrandone omicidi, delitti, passione sessuale e impudenza. Un quadro scioccante del mondo femminile che rivela nei due narratori della piena maturità della letteratura latina una visione ancora arcaica della donna, essere pericoloso, ferino, privo di morale e colmo di un’astuzia indecente.

Veerdì 13 agosto 2010, alle 19.30, Carlo Mayer e Matteo Belli avvicineranno due autori distanti 25 secoli, Tucidide e Pasolini, sul comune tema dell’imperialismo. Belli proporrà prima un passo del grande storico greco, Tucidide, autore della “Guerra del Peloponneso”, che mostra l’esplicita violenza dell’imperialismo; poi, leggerà “Genocidio”, lucido articolo di Pier Paolo Pasolini col quale nel 1974 denuncia l’imperialismo implicito nel moderno modello di produzione.

Autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.