Contatta Archart!

Per contattare la nostra redazione scrivete a info@misterguida.com

Messico, Chichén Itzà. Scheletri confermano sacrifici umani nel mondo Maya

Messico, Chichén Itzà. Scheletri confermano sacrifici umani nel mondo Maya

Nel sito archeologico di Chichén Itzà, nel cenote Holtun, voragine contenente acqua dolce, sono stati rinvenuti i resti di sacrifici umani al dio della pioggia Chaak. Gli individui identificati sono sei, di cui quattro adulti e due bambini, accanto ai quali sono stati portati alla luce anche vasi, conchiglie, perline, coltelli e ossa di animali di cane e di cervo. Questi dovevano essere connessi con il rituale che si deve essere svolto in quel luogo in modo da comunicare con il divino. Inoltre, rilevante è risultata l’identificazione di concentrazioni di carbone che hanno fatto pensare alla presenza di un fuoco, certamente connesso alla realizzazione del rituale.

All’epoca del rituale, dopo l’850 d.C., il livello dell’acqua nella grotta doveva essere inferiore rispetto allo stato attuale tanto da permettere la creazione di questo contesto venti metri sotto la superficie. I resti archeologici, infatti, sono stati rinvenuti al di sotto del piano attuale in un passaggio orizzontale in una delle pareti del cenote.

Questo tipo di rinvenimento va a confermare quella che è un’usanza già attestata per la cultura Maya, fiorita nel sud della Penisola dello Yucatàn: raffigurazioni artistiche su vasi o stele rappresentano giovani e bambini nell’atto di essere sacrificati. E il luogo del rinvenimento confermerebbe anche la credenza del popolo Maya che riteneva che i cenotes fossero varchi nella terra che mettessero in contatto il mondo umano con quello divino, come riferisce il Prof. Guillermo Anda dell’Universidad Autonoma de Yucatàn, direttore delle ricerche archeologiche durante le quali sono state indagate anche altre 33 grotte.

Cenote-Sagrado
Il cenote Sagrado

Castillo
La piramide Castillo a Chichén Itzà

Sacrifici umani nel mondo dei Maya
Un rilievo Maya con scene di sacrifici umani

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*